Scadenzario

       

GENNAIO 2004

    
Home page  >  Indice scadenzario

SCADENZA

ADEMPIMENTO - OBBLIGO

01.01.2004

Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di edilizia - E' slittata a oggi, 1 gennaio 2004, l’entrata in vigore della seconda parte del DPR 380/01, così come modificato dal D.Lgs. 301/02, contenente gli articoli dal 52 al 135 del Testo unico.

(D.P.R. 6/6/2001, n. 380 - D.L. 20/6/2001, G.U.R.I. 144 del 21/6/2002)

Nuova proroga per il Capo V "Norme per la sicurezza degli impianti" del DPR 380/01 - Il Decreto Legge 24 dicembre 2003, n.355 dal titolo "Proroga di termini previsti da disposizioni legislative" pubblicato sulla G.U. n.300 del 29/12/03 al suo articolo 14 ha differito al 1° gennaio 2005 il termine dell'entrata in vigore del Capo V "Norme per la sicurezza degli impianti" del DPR 380/01 riguardante il Testo Unico dell'edilizia.
Il citato articolo 14 indica inoltre che questa proroga non si applica agli edifici scolastici.

01.01.2004

Ozono: Divieto di uso degli idroclorofluorocarburi - E' fatto divieto, a partire da oggi, di usare  idroclorofluorocarburi (HCFC) per la produzione di tutte le schiume, comprese quelle di poliuretano spray e a blocchi.
Per il mancato rispetto del divieto le sanzioni sono l'arresto fino a due anni e un'ammenda fino al triplo del valore delle sostanze utilizzate; nei casi più gravi oltre alla condanna consegue la revoca dell'autorizzazione o della licenza in base alla quale viene svolta l’attività costituente illecito (art. 3, comma 6, legge n. 549/1993).

01.01.2004

Norma europea armonizzata per l'edilizia - Ha fine oggi il periodo di coesistenza (1) per la seguente norma, emanata dal CEN (2) come norma europea armonizzata:

EN 1344:2002 Elementi per pavimentazione di laterizio - Requisiti e metodi di prova.

(1) La data in cui ha fine il periodo di coesistenza è la stessa a partire dalla quale la presunzione di conformità deve essere basata sulle specifiche tecniche armonizzate (norme armonizzate oppure benestare tecnici armonizzati). Essa coincide con la data di ritiro delle specifiche tecniche nazionali in contrasto con quelle armonizzate.

(2) Organismo europeo di normalizzazione: CEN - rue de Stassart/Stassartstraat 36, B-1050 Bruxelles, tel. (32-2) 550 08 11, fax (32-2) 550 08 19 (www.cenorm.be).

NOTA:

Tutte le informazioni relative alla disponibilità delle norme si possono ottenere dagli organismi europei di normalizzazione o dagli istituti nazionali di normalizzazione. Tutte le informazioni relative alla disponibilità delle guide ETA si possono ottenere dall'EOTA o dai suoi membri. La pubblicazione dei riferimenti nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee non comporta la disponibilità delle specifiche tecniche armonizzate in tutte le lingue comunitarie. Ulteriori specifiche tecniche armonizzate relative alla direttiva «Prodotti da costruzione» sono state pubblicate in precedenti edizioni della Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. Un aggiornato elenco completo può essere consultato via Internet sul server Europa:

http://europa.eu.int/comm/enterprise/construction/internal/specdef/speclists.htm

(Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 320 del 20/12/2002)

15.01.2004

Denuncia degli infortuni nel settore estrattivo - Entro questa data il direttore responsabile dei lavori deve trasmettere, all'autorità di vigilanza competente, un prospetto riassuntivo, anche se negativo, degli infortuni verificatisi nel mese precedente e che abbiano comportato un'assenza dal lavoro di almeno tre giorni.
Scadenza mensile

(Art. 25, comma 8, D.Lgs. 25/11/1996, n. 624)

15.01.2004

Sicurezza generale dei prodotti - Dal 15 gennaio 2004, la disciplina sulla sicurezza generale dei prodotti sarà esclusivamente governata dalla direttiva 2001/95/CE, che abroghera' la direttiva 92/59/CEE. La direttiva impone un requisito generale di sicurezza a ogni prodotto immesso sul mercato e destinato al consumo o che possa essere usato dai consumatori, compresi i prodotti utilizzati per fornire un servizio. Rimangono esclusi i beni di seconda mano con valore di pezzi d'antiquariato o che devono subire riparazioni.

20.01.2004

Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo - Entra oggi in vigore la Legge 24/12/2003, n. 363 relativa alle ''Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo''.

(Legge 24/12/2003, n. 363)

20.01.2004

Denuncia al CONAI e calcolo del contributo sugli imballaggi relativo al mese di dicembre 2003 - Entro il 20 gennaio gli iscritti al CONAI ed in regime di dichiarazione mensile, devono calcolare sulla base delle fatture emesse o dei documenti ricevuti il contributo prelevato o dovuto nel mese precedente distinguendo gli importi relativi a ciascuna tipologia di materiale e indicando il relativo consorzio o altro soggetto associativo costituito ai sensi dell'art. 38, comma 3, del D.Lgs. n. 22/97 (Decreto Ronchi). Gli importi dovuti dovranno essere versati al CONAI entro 90 giorni su uno o più dei sei conti correnti bancari, ognuno relativo a una tipologia di materiale. La dichiarazione deve essere presentata ogni mese dalle imprese che nell'anno solare precedente hanno dichiarato un contributo ambientale per singolo materiale di importo superiore a 60 milioni.
La liquidazione deve essere conforme al modello allegato al regolamento CONAI e deve essere conservata dal consorziato in apposito registro per cinque anni.
Scadenza mensile

(Art. 7, comma 10 - Regolamento CONAI)

23.01.2004

Miglioramento della sostenibilità ambientale - Scade oggi il termine per la presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni del bando speciale della legge n. 488/1992 per il perseguimento di specifiche finalità di miglioramento della sostenibilità ambientale di cui alla Misura 1.1 del programma operativo nazionale “Sviluppo imprenditoriale locale”, le cui modalità applicative sono state già stabilite con circolare 5 agosto 2003, n° 946323 (D.M. 19/9/2003)
Le spese ammissibili riguardano:
- progettazioni ingegneristiche, direzione dei lavori, studi di fattibilità tecnico-economico-finanziaria e di valutazione di impatto ambientale, oneri per le concessioni edilizie, collaudi di legge, prestazioni di servizi per l'ottenimento delle certificazioni ambientali EMAS o ISO 14001,
- suolo aziendale;
- infrastrutture specifiche aziendali;
- opere murarie e assimilate;
- macchinari, impianti e attrezzature varie;
- mezzi mobili;
- programmi informatici;
- brevetti concernenti nuove tecnologie e processi produttivi;
- commesse interne di lavorazione.
Beneficiarie saranno le Imprese che svolgono le seguenti attività:
- estrattive;
- manifatturiere;
- di costruzioni;
- di produzione e distribuzione di energia elettrica;
- di vapore e acqua calda e di servizi.
Gli interventi devono essere realizzati nelle aree ammissibili agli interventi di cui all'obiettivo 1 dei Fondi strutturali comunitari (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia).

(D.M. 19/9/2003, G.U.R.I. 3/10/2003, n. 230)

31.01.2004

Inquinamento acustico negli aeroporti - Entro il 31 gennaio 2004 le Regioni devono trasmettere ai Ministeri dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e delle Infrastrutture e dei Trasporti una relazione sul monitoraggio del rumore aeroportuale notturno (dalle ore 23 alle 6). Rimangono, comunque, esclusi i voli di Stato, quelli sanitari e di emergenza. La comunicazione serve per consentire la verifica che i voli notturni siano effettuati con aerei che soddisfino i requisiti acustici previsti dalla Convenzione di Chicago del 7 dicembre 1944, ratificata con legge 17 aprile 1956, n. 561.
Tale obbligo di comunicazione regionale è vigente dal 18 dicembre 1999 e cioè dall’entrata in vigore del D.P.R. 9 novembre 1999, n. 476 che, con il suo articolo 1, ha interamente modificato l’articolo 5 del D.P.R. 496/1997.
Sono esentati i voli di Stato, sanitari e di emergenza.
Scadenza mensile

(Art. 1, D.P.R. 9/11/1999, n. 476)

31.01.2004

Tassa discariche - Entro oggi i gestori di discariche o di impianti di incenerimento senza recupero energetico devono versare alla regione il tributo speciale per il deposito in discarica di rifiuti solidi intervenuto dal 1 ottobre al 31 dicembre 2003. Il versamento va, infatti, effettuato entro il mese successivo la scadenza del trimestre solare in cui sono state effettuate le operazioni di deposito. Le modalità di versamento sono rimesse alla disciplina regionale. Per l’omessa o infedele registrazione delle operazioni di conferimento in discarica è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria commisurata al 50% del tributo relativo all’operazione. Le sanzioni sono ridotte ad un 1/4 se, entro il termine per ricorrere alle commissioni tributarie, interviene adesione del contribuente e contestuale pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione.

(Art. 3, commi 30 e 31, Legge 28/12/1995, n. 549: "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica" (Finanziaria 1996) - G.U. S.O. n. 302 del 29/12/1995) 

31.01.2004

Dichiarazione annuale rifiuti conferiti in discarica - Scade oggi il termine entro cui il gestore dell'impresa di stoccaggio definitivo deve presentare alla regione di appartenenza la dichiarazione annuale delle quantità di rifiuti conferiti nell'anno precedente e dei versamenti effettuati. In caso di omessa o infedele registrazione delle operazioni di conferimento in discarica viene applicata la sanzione amministrativa dal 200% al 400% del tributo relativo all'operazione. Per l'omessa o infedele dichiarazione si applica la sanzione da € 103,29 a € 516,46. La sanzione viene ridotta di un quarto se, entro il termine per ricorrere alle Commissioni Tributarie, interviene l'adesione del contribuente e contestuale pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione.

(Art. 3, commi 30 e 31, Legge 28/12/1995, n. 549: "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica" (Finanziaria 1996) - G.U. S.O. n. 302 del 29/12/1995) 

31.01.2004

Impianti termoelettrici a vapore - Gli esercenti di impianti termoelettrici a vapore devono trasmettere al Ministero della Sanità e a quello dell’Ambiente e della Tutela del territorio una relazione relativa alle emissioni di SO, NOx e polveri delle proprie centrali.
Scadenza annuale

(Art. 2, D.M. 10/3/1987, n. 105)

31.01.2004

Qualità dell'aria - I sindaci dei comuni individuati all'art. 1, comma 2, del D.M. 163/1999 (a rischio di inquinamento atmosferico) devono predisporre, entro oggi, il rapporto annuale sulla qualità dell'aria, secondo quanto previsto dall'allegato II del D.M. su riportato.

(Art. 2, D.M. 21/4/1999, n. 163)

31.01.2004

Effetto serra - Entro oggi le Regioni, le Province autonome e le Amministrazioni centrali devono trasmettere al Ministero dell'ambiente la relazione annuale relativa allo stato di attuazione di programmi ed azioni di propria competenza, con riferimento particolare ai risultati raggiunti o che si prevede di raggiungere in ordine alle emissioni di gas serra.
Scadenza annuale

(Art. 4, c. 1, D.M. 20/7/2000, n. 337)

31.01.2004

Qualità delle acque destinate al consumo umano - Le regioni e le province autonome devono trasmettere al Ministero della Salute e a quello dell’Ambiente e della Tutela del territorio una relazione relativa ai casi di non conformità dei controlli sulla qualità delle acque destinate al consumo umano all’interno della quale deve essere indicato quanto richiesto dall’art. 14 del D.Lgs. 2 febbraio 2001 n. 31 ovvero le informazioni relative ai casi di non conformità dei controlli sulla qualità delle acque destinate al consumo umano come riscontrati nel corso del 2003. Sono escluse le acque confezionate. In caso di utenze inferiori a 500 abitanti. L’obbligo deve essere assolto trasmettendo una relazione contenente i parametri interessati con i relativi valori e la popolazione coinvolta.
Scadenza annuale

(Art. 14, D.Lgs. 2/2/2001, n. 31)

31.01.2004

Campionamento acque da balneazione - Entro oggi, 31 gennaio 2004, le ARPA devono trasmettere al Ministero della salute i risultati dei campionamenti effettuati sulla qualità delle acque di balneazione nel mese di dicembre 2003.
Le analisi vanno eseguite in base a:
- parametri;
- valori limite;
- frequenza campioni;
- metodi di analisi;
indicati nell'allegato 1 al Dpr 8 giugno 1982, n. 470.
Scadenza mensile

(Art. 2, lett. c) e d) - Art. 4, c. 3 del D.P.R. 8/6/1982, n. 470 - Art. 18, c. 1, lett. b) della Legge 29/12/2000, n. 422 - Legge Comunitaria 2000)

Home page  >  Indice scadenzario
  
   
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità per possibili errori od omissioni nei testi
e negli ipertesti più sopra riportati, nonché per eventuali danni derivanti dall'uso delle informazioni in essi contenuti.
       

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi