Scadenzario

       

LUGLIO 2002

      

 SCADENZA

ADEMPIMENTO - OBBLIGO

01.07.2002

Lavoro straordinario - Entro oggi le imprese industriali che in giugno hanno superato di 20 ore l'orario contrattuale settimanale devono darne comunicazione al settore ispettivo presso la Direzione Provinciale del Lavoro. L'adempimento, previsto dall'articolo 2, comma 1, del D.M. 3/8/1999, è obbligatorio per le imprese che calcolano l'orario normale di lavoro in relazione alla media delle prestazioni lavorative in un periodo plurisettimanale e semprechè l'orario di lavoro plurisettimanale non ecceda le 45 ore. Per quanto attiene le imprese industriali  che non applicano un regime di orario plurisettimanale, l'obbligo di effettuare la comunicazione scatta quando viene superato il limite settimanale delle 45 ore; in questo caso, però la Direzione Provinciale va informata entro 24 ore dall'inizio di tali prestazioni.
In caso di mancata comunicazione viene applicata la sanzione amministrativa da 51 a 154 euro per ogni lavoratore adibito al lavoro straordinario oltre i limiti suaccennati.

(D.M. 3/8/1999, art. 2, comma 1)

01.07.2002

Sostanze lesive dell'ozono - Entro oggi (termine slittato causa festività del 30/6/2002) i centri di raccolta, di cui al D.M. 26/3/1996, organizzati tra produttori ed importatori di sostanze sostitutive di quelle lesive dell'ozono di cui alla tabella A, gruppo II, legge 549/1993, devono inviare ai Ministeri dell'Ambiente e dell'Industria le quantità in giacenza di ogni tipo di tali sostanze. La comunicazione va fatta anche se il quantitativo è uguale a zero.

(D.M. 26 marzo 1996, art. 6, comma 4)

11.07.2002

Manufatti in plastica riciclata - Oggi è il termine ultimo concesso alle Regioni, sulla base della "Legge Lunardi" (Legge 21 dicembre 2001, n. 443) in vigore dal 11/2/2002, per adottare norme che obbligheranno gli uffici pubblici a coprire con almeno il 40% di materiale riciclato il loro fabbisogno annuale di plastica.

(Art. 1, c. 16, Legge 21/12/2001, 443 - "Legge Lunardi")

15.07.2002

Consorzio oli usati - Versamento del contributo - Oggi è l'ultimo giorno utile per gli esercenti impianti di produzione e depositi fiscali riservato al versamento del contributo di competenza del consorzio obbligatorio degli oli usati. Il contributo è dovuto per tutti i quantitativi di oli lubrificanti immessi in consumo nel corso del mese solare precedente. Le somme devono essere versate dai soggetti obbligati direttamente al consorzio e riguardano le partite di oli lubrificanti estratti nel mese da ciascun impianto. I soggetti obbligati al versamento devono anche presentare al competente ufficio finanziario la relativa dichiarazione, con allegata la ricevuta di versamento, entro il giorno lavorativo successivo a quello stabilito per il pagamento. Gli importatori, invece, devono versare il contributo direttamente in dogana.

(Consorzio obbligatorio degli oli usati)

15.07.2002

Denuncia degli infortuni nel settore estrattivo - Entro questa data il direttore responsabile dei lavori deve trasmettere, all'autorità di vigilanza competente, un prospetto riassuntivo, anche se negativo, degli infortuni verificatisi nel mese precedente e che abbiano comportato un'assenza dal lavoro di almeno tre giorni.

(Art. 25, comma 8, D.Lgs. 25/11/1996, n. 624)

20.07.2002

Denuncia al CONAI e calcolo del contributo sugli imballaggi relativo al mese di giugno 2002 - Entro il 20 luglio gli iscritti al CONAI ed in regime di dichiarazione mensile, devono calcolare sulla base delle fatture emesse o dei documenti ricevuti il contributo prelevato o dovuto nel mese precedente distinguendo gli importi relativi a ciascuna tipologia di materiale e indicando il relativo consorzio o altro soggetto associativo costituito ai sensi dell'art. 38, comma 3, del D.Lgs. n. 22/97 (Decreto Ronchi). Gli importi dovuti dovranno essere versati al CONAI entro 90 giorni su uno o più dei sei conti correnti bancari, ognuno relativo a una tipologia di materiale. La dichiarazione deve essere presentata ogni mese dalle imprese che nell'anno solare precedente hanno dichiarato un contributo ambientale per singolo materiale di importo superiore a 60 milioni.

La liquidazione deve essere conforme al modello allegato al regolamento CONAI e deve essere conservata dal consorziato in apposito registro per cinque anni.

(Art. 7, comma 10 - Regolamento CONAI)

21.07.2002

Collaudo ascensori - Con oggi entra in vigore il D.P.R. 7/5/2002, n. 129 che ha riaperto i termini per il collaudo degli ascensori, precedentemente fissati al 30/6/2001. Preposti al collaudo sono gli organismi competenti ex lege n. 1415/42; l'ISPESL (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro); gli installatori che abbiano un sistema di qualità certificato oppure che possa essere provato con autocertificazione degli installatori stessi corredata da una perizia giurata di un ingegnere iscritto all'albo. Con questa modifica regolamentare viene fissato al 30.09.2002 il nuovo termine per l'invio dell'esito positivo del collaudo, fatto effettuare dai proprietari o dai legali rappresentanti degli impianti, all'ufficio comunale competente, relativamente agli impianti ancora sprovvisti della certificazione Cee ovvero della licenza di esercizio e per quelli commercializzati fino alla data di entrata in vigore dello stesso regolamento. Un ulteriore adempimento spetta, inoltre, ai proprietari o ai legali rappresentanti per i collaudi effettuati da certificatori privati o con autocertificazione che dovranno inviare all'organismo competente ex lege n. 1415/42 copia della documentazione presentata in Comune. Relativamente agli ascensori ed ai componenti di sicurezza muniti della marcatura CE ed accompagnati dalla relativa attestazione CE di conformità, invece, questi sono considerati conformi a tutte le prescrizioni regolamentari. 

(D.P.R. 7/5/2002, n. 129)

26.07.2002

Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi - Le imprese di raccolta e trasporto di rifuti pericolosi, e già iscritte al relativo Albo, devono adeguare le dotazioni di mezzi e personale per la catgoria 5.

(Art. 2, Deliberazione dell'Albo Nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti 27/12/2001)

28.07.2002

Valutazione preliminare della qualità dell'aria ambiente - Entro oggi le Regioni devono trasmettere al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio ed al Ministero della Salute, per il tramite dell'ANPA, le metodologie seguite per la valutazione preliminare della qualità dell'aria ambiente.

(Art. 5, D.M. 2/4/2002, n. 60)

30.07.2002

Finanziamenti INAIL - Scade oggi il termine per la presentazione della domanda di finanziamenti INAIL relativa ai programmi di adeguamento alla normativa in materia di sicurezza sul lavoro riservati alle piccole e medie imprese dei settori agricoli ed artigianali. Con tali domande si possono ottenere, dagli istituti di credito convenzionati, finanziamenti agevolati a tasso zero da 10.330 a 154.000 euro. I programmi di qualità possono ottenere anche un finanziamento in conto capitale a fondo perduto. L'INAIL ha stanziato 225 milioni di euro, ripartiti per regione e per linee di intervento: sostituzione macchine, ristrutturazione ambienti di lavoro, installazione impianti, dispositivi di monitoraggio e di gestione della sicurezza. La domanda può essere presentata dal 1/7/2002 al 31/7/2002 presso le sedi INAIL come previsto dal bando. Per la domanda si può richiedere l'apposito CD-ROM a compilazione guidata, in una qualsiasi delle sedi INAIL, oppure si può scaricare il software dal sito dell'INAIL.

30.07.2002

Sostanze e preparati pericolosi - Entro il 30 luglio 2002 gli Stati membri della UE devono adottare le leggi, i regolamenti e le disposizioni amministrative necessarie per ottemperare alla "Direttiva 2001/58/CE della Commissione del 27 luglio 2001 che modifica per la seconda volta la direttiva 91/155/CEE che definisce e fissa le modalità del sistema di informazione specifica concernente i preparati pericolosi ai sensi dell'articolo 14 della direttiva 1999/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio nonché quelle relative alle sostanze pericolose conformemente all'articolo 27 della direttiva 67/548/CEE del Consiglio (schede dati di sicurezza)".

(Art. 2, Direttiva 2001/58/CE, G.U.C.E. L 212/24 del 7/8/2001 - D.M. 7/9/2002)

30.07.2002

Preparati pericolosi - Entro il 30 luglio 2002 gli Stati membri della UE devono adottare le leggi, i regolamenti e le disposizioni amministrative necessarie per il recepimento della "Direttiva 2001/60/CE della Commissione del 7 agosto 2001 recante adeguamento al progresso tecnico della direttiva 1999/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla classificazione, all'imballaggio ed all'etichettatura dei preparati pericolosi.".

(Art. 3, Direttiva 2001/60/CE, G.U.C.E. L 226/6 del 22/8/2001)

31.07.2002

Tassa discariche - Entro oggi i gestori di discariche o di impianti di incenerimento senza recupero energetico devono versare alla regione il tributo speciale per il deposito in discarica di rifiuti solidi intervenuto dal 1 aprile al 31 giugno 2002. Il versamento va, infatti, effettuato entro il mese successivo la scadenza del trimestre solare in cui sono state effettuate le operazioni di deposito. Le modalità di versamento sono rimesse alla disciplina regionale. Per l’omessa o infedele registrazione delle operazioni di conferimento in discarica è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria commisurata al 50% del tributo relativo all’operazione. Le sanzioni sono ridotte ad un 1/4 se, entro il termine per ricorrere alle commissioni tributarie, interviene adesione del contribuente e contestuale pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione.

(Art. 3, commi 30 e 31, Legge 28/12/1995, n. 549: "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica" (Finanziaria 1996) - G.U. S.O. n. 302 del 29/12/1995) 

31.07.2002

Sostanze lesive dell'ozono: halons - Entro il 31 luglio 2002, i centri di raccolta, di cui al D.M. 26/3/1996, organizzati tra produttori ed importatori di sostanze sostitutive di quelle lesive dell'ozono di cui alla tabella A, gruppo II, legge 549/1993, devono inviare ai Ministeri dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e delle Attività Produttive le quantità in giacenza di ogni tipo di tali sostanze. La comunicazione va inoltrata anche se il quantitativo è uguale a zero.

(Art. 6, c. 4, D.M. 26/3/1996) 

31.07.2002

Inquinamento acustico negli aeroporti - Entro il 31 luglio 2002 le Regioni devono trasmettere ai Ministeri dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e delle Infrastrutture e dei Trasporti una relazione sul monitoraggio del rumore aeroportuale notturno (dalle ore 23 alle 6), effettuato nel mese di giugno 2002. La comunicazione serve per consentire la verifica che i voli notturni siano effettuati con aerei che soddisfino i requisiti acustici previsti dalla Convenzione di Chicago del 7 dicembre 1944, ratificata con legge 17 aprile 1956, n. 561.
Tale obbligo di comunicazione regionale è vigente dal 18 dicembre 1999 e cioè dall’entrata in vigore del D.P.R. 9 novembre 1999, n. 476 che, con il suo articolo 1, ha interamente modificato l’articolo 5 del D.P.R. 496/1997.
Sono esentati i voli di Stato, sanitari e di emergenza.

(Art. 1, D.P.R. 9/11/1999, n. 476)

  
  
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità  per possibili errori od omissioni nei testi
e negli ipertesti più sopra riportati, nonché per eventuali danni derivanti dall'uso delle informazioni in essi contenuti.
         

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi