Scadenzario

   

SETTEMBRE 2001

          

 SCADENZA

ADEMPIMENTO - OBBLIGO

01.09.2001

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - Da oggi è abrogata la norma CEI 64-2/A "Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione - Appendici". Vengono, in particolare, soppresse le Appendici B e J per le centrali termiche a gas (generalmente metano o GPL). Non sarà, quindi, più sufficiente il grado di protezione IP44 o IP4X per l'impianto elettrico (AD-FT). Da oggi, perciò, nelle centrali termiche a metano o a GPL bisognerà individuare il tipo di zone (1 o 2) e la relativa estensione. Al di fuori delle zone pericolose potrà essere realizzato un impianto elettrico ordinario, mentre all'interno delle stesse potranno essere installati soltanto componenti in esecuzione di sicurezza (Ex).

01.09.2001

Locali ad uso medico - Da oggi la norma CEI 64-8, Sez. 710 (variante V") "Locali ad uso medico" sostituirà la norma CEI 64-4. Le misure di protezione da applicare all'impianto elettrico per la sicurezza dei pazienti varieranno, perciò, a seconda dei tipi di locali che, secondo la nuova norma, saranno classificati in tre gruppi: locali di gruppo zero, di gruppo uno e di gruppo due.

09.09.2001

Trasporto merci - Ecopunti - Entro questa data le imprese italiane che effettuano trasporto di merci per conto terzi devono presentare la domanda per avere la quota di ecopunti relativa al terzo quadrimestre del 2001, relativa all'attraversamento del territorio austriaco.
La domanda deve essere redatta secondo l'allegato 1 del Decreto 29 marzo 2001, corredata dell'attestazione del versamento di L. 20.000 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo) ed inviata al Ministero dei Trasporti e della Navigazione - Dipartimento dei trasporti terrestri - Unità di gestione APC - APC3, via Caraci, 36 - 00157 Roma.
Le imprese che, contestualmente alla comunicazione riguardante l'avvenuta assegnazione di ecopunti per il secondo quadrimestre 2001, vogliono ottenere l'elenco dei viaggi dichiarati di transito che non sono stati considerati ai fini della determinazione dell'assegnazione, debbono corredare la domanda con l'attestazione di un versamento di L. 10.000 sul c.c.p. n. 9001 (diritti) intestato a Direzione generale motorizzazione civile e T.C. - Roma. (artt. 2 e 4 DM 29 marzo 2001).

(D.M. 29/3/2001 - G. U. n. 83 del 9/4/2001)

15.09.2001

Denuncia degli infortuni nel settore estrattivo - Entro questa data il direttore responsabile dei lavori deve trasmettere, all'autorità di vigilanza competente, un prospetto riassuntivo, anche se negativo, degli infortuni verificatisi nel mese precedente e che abbiano comportato un'assenza dal lavoro di almeno tre giorni. 

(Art. 25, comma 8, D.Lgs. 25/11/1996, n. 624)

17.09.2001

Navi - Entra oggi in vigore il D.P.R. n. 232 del 4/4/2001: "Regolamento concernente la concessione della libera pratica alle navi".

(D.P.R. n. 232 del 4/4/2001)

18.09.2001

Consulenti per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose - Entro questa data i titolari di certificato provvisorio, rilasciato ai sensi del Decreto Legislativo 4/2/2000 n. 40, art. 7, comma 1, devono aver presentato la domanda per sostenere il relativo esame e conseguito l'attestano definito.
Le procedure, le modalità dell'esame, il fac-simile della domanda di esame e di rilascio del certificato di formazione sono state stabilite con gli allegato al D.M. 6/6/2000 (Gazz. Uff. n. 144 del 22/6/2000). Il D.M. 27/9/2000 (Gazz. Uff. 18/10/2000, n. 244) ha determinato, inoltre, gli importi dei diritti da versare.

(Decreto Legislativo 4/2/2000, n. 40: "Attuazione della direttiva 96/35/CE relativa alla designazione e alla qualificazione professionale dei consulenti per la sicurezza dei trasporti su strada, per ferrovia o per via navigabile" - G. U. n. 52 del 3/3/2000)

18.09.2001

Elettrosmog - Su ciascuna struttura degli elettrodotti, dei sistemi e stazioni o impianti radioelettrici, impianti fissi per radiodiffusione, deve essere applicata una etichetta informativa ben visibile riportante, la tensione prodotta, i valori di esposizione rintracciabili nella documentazione autorizzativa, i limiti di esposizione prescritti dalle norme nazionali e regionali e le distanze di rispetto.

(art. 9, comma 7, Legge 22/2/2001 n. 36)

20.09.2001

Denuncia al CONAI e calcolo del contributo sugli imballaggi relativo al mese di agosto 2001 - Entro il 20 settembre gli iscritti al CONAI ed in regime di dichiarazione mensile, devono calcolare sulla base delle fatture emesse o dei documenti ricevuti il contributo prelevato o dovuto nel mese precedente distinguendo gli importi relativi a ciascuna tipologia di materiale e indicando il relativo consorzio o altro soggetto associativo costituito ai sensi dell'art. 38, comma 3, del D.Lgs. n. 22/97 (Decreto Ronchi). Gli importi dovuti dovranno essere versati al CONAI entro 90 giorni su uno o più dei sei conti correnti bancari, ognuno relativo a una tipologia di materiale. La dichiarazione deve essere presentata ogni mese dalle imprese che nell'anno solare precedente hanno dichiarato un contributo ambientale per singolo materiale di importo superiore a 60 milioni.

La liquidazione deve essere conforme al modello allegato al regolamento CONAI e deve essere conservata dal consorziato in apposito registro per cinque anni.

(art. 7, comma 10 del Regolamento del CONAI)

23.09.2001

Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche - Le costruzioni stabili, i negozi mobili e i banchi temporanei di cui agli articoli 3, 4 e 5 dell'Ordinanza 2/3/2000 del Ministero della Sanità, devono essere resi conformi entro il 23/9/2001 alle caratteristiche igieniche indicate nell'Ordinanza stessa. (art.11)

(Ordinanza Ministeriale 2 marzo 2000 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche" - G.U. n. 56 del 8/3/2000, n. 56)

30.09.2001

Tassa sulle emissioni - Entro il 30 settembre gli esercenti dei Grandi Impianti di Combustione (GIC - Impianti dotati di potenza termica pari o superiore a 50 MW che, indipendentemente dal combustibile usato, producono energia) devono versare l'acconto trimestrale della tassa sulle emissioni di anidride solforosa (SO2) e di ossidi di azoto (NOx).

Il conguaglio, invece, deve essere versato entro il 31 marzo dell'anno successivo. L'omesso pagamento è sanzionato in via amministrativa con una somma che va da due a quattro volte la tassa dovuta, cui si aggiunge l'indennità di mora. Per altre inosservanze, invece, la sanzione è compresa tra 500.000 e 3.000.000 di lire.

Sono esclusi gli impianti che utilizzano direttamente i prodotti di combustione nei processi di fabbricazione.

(Legge 27/12/1997, n. 449 - Finanziaria 1998 - articolo 17, commi 29-33)

30.09.2001

Carbon tax - Entro oggi deve essere versato l'acconto dell'imposta sul consumo dei seguenti combustibili, se impiegati negli impianti di combustione:
• carbone: L. 5.084/t.;
• coke di petrolio: L. 6.824/t.;
• "orimulsion" (bitume di origine naturale emulsionato con il 30% di acqua): L. 3.983/t..

Il versamento è trimestrale e il calcolo va effettuato in base alle quantità utilizzate nel corso dell'anno precedente. Il saldo deve essere versato entro la fine del primo trimestre dell'anno successivo e va accompagnato da una dichiarazione annuale relativa alle quantità impiegate nell'anno precedente.

Le somme eventualmente eccedenti e già versate vanno detratte dal versamento della prima rata di acconto. In caso di cessazione dell'impianto nel corso dell'anno la dichiarazione annuale e il versamento a saldo devono essere effettuati entro i due mesi successivi alla cessazione. Per il mancato rispetto del termine c'è la sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra il doppio e il quadruplo dell'imposta dovuta. Rimangono comunque applicabili i principi generali del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 - Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative pre violazioni di norme tributarie.

Per tutte le altre violazioni si applica la sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall'articolo 50, D.Lgs. 26 ottobre 1995, n. 204 (T.U. su imposte di produzione e consumi e relative sanzioni penali ed amministrative): da Lire 500 mila a lire 3 milioni.

(Legge 23/12/1998, n. 448 - Finanziaria 1999 - articolo 8, commi 7, 8 e 9)

30.09.2001

Biossido di titanio - Per consentire all'Italia di inviare alla Commissione UE la relazione triennale sulla prevenzione e la riduzione progressiva dell'inquinamento provocato dall'industria del biossido di titanio, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano devono fornire entro il 30 settembre di ogni anno al Ministero dell'ambiente, i risultati della sorveglianza e del controllo. Tale rapporto, relativo a ciascun ambiente interessato, deve contenere le seguenti informazioni:
a) una descrizione del punto di campionamento e delle sue caratteristiche permanenti, unitamente ad altre notizie di tipo amministrativo e geografico;
b) l'indicazione dei metodi di campionamento e analisi usati;
c) i risultati delle analisi;
d) le modifiche apportate alla frequenza di campionamento e di analisi e al punto di campionamento.
A tale fine, chiunque effettui operazioni di scarico o di stoccaggio trasmette alla Regione o alla Provincia autonoma entro il 31 marzo di ogni anno una relazione sulla tipologia e sui quantitativi di rifiuti prodotti e/o scaricati o stoccati nell'anno solare precedente e gli altri dati necessari.

(art.8, D.Lgs n. 100 del 27/01/92 - D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 100: "Attuazione delle direttive 78/176/CEE, 82/883/CEE, 83/29/CEE, 89/428/CEE in materia di inquinamento provocato dai rifiuti dell'industria del biossido di titanio" - G.U. n. 38 del 15/2/1992)

30.09.2001

Inquinamento acustico negli aeroporti - Entro il 30 settembre 2001 le Regioni devono trasmettere ai Ministeri dell’Ambiente e dei Trasporti una relazione sul monitoraggio del rumore aeroportuale notturno (dalle ore 23 alle 6). Rimangono, comunque, esclusi i voli di Stato, quelli sanitari e di emergenza. La comunicazione serve per consentire la verifica che i voli notturni siano effettuati con aerei che soddisfino i requisiti acustici previsti dalla Convenzione di Chicago del 7 dicembre 1944, ratificata con legge 17 aprile 1956, n. 561.
Tale obbligo di comunicazione regionale è vigente dal 18 dicembre 1999 e cioè dall’entrata in vigore del D.P.R. 9 novembre 1999, n. 476 che, con il suo articolo 1, ha interamente modificato l’articolo 5 del D.P.R. 496/1997.

(D.P.R. 9/11/1999, n. 476, articolo 1)

30.09.2001

Rifiuti alimentari prodotti a bordo di mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali - Entro oggi i soggetti che alla data di entrata in vigore del D.M. 22/5/2001 (31/8/2001) esercitano le attività di gestione dei rifiuti di cui all'art.1 del medesimo decreto, devono presentare le domande per ottenere le autorizzazioni previste dal decreto legislativo 5/2/1997, n. 22. La regione o la provincia delegata devono pronunciarsi su tali domande entro novanta giorni. (art. 5 D.M. 22/5/2001)

(Decreto Ministeriale 22 maggio 2001:"Misure relative alla gestione e alla distruzione dei rifiuti alimentari prodotti a bordo di mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali" - G.U. n. 202 del 31/8/2001)

     
    
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità per possibili errori od omissioni nei testi
e negli ipertesti più sopra riportati, nonché per eventuali danni derivanti dall'uso delle informazioni in essi contenuti.
           

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi