GIURISPRUDENZA

   

RUMORE

Argomenti trattati nelle sentenze

 

ATTIVITA' PROFESSIONALI

... i rumori provenienti dal laboratorio - sia per la loro intensità, sia per la loro durata fino a notte inoltrata, sia per la maggiore propagazione dei rumorosi dovuta alla ubicazione degli impianti, che ne provocava una amplificazione - superavano i limiti di normale tollerabilità ed erano, comunque, tali da disturbare per la loro intensità e per la loro diffusione all'esterno il riposo e le occupazioni di numerose persone, che abitavano nei palazzi circostanti. ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

DANNO DA IPOACUSIA

La sentenza chiarisce poi che, ai fini del risarcimento dovuto dal datore di lavoro per i danni derivanti da un infortunio subito dal dipendente, la liquidazione del danno da invalidità permanente correlato al mancato guadagno futuro conseguente alla riduzione della capacità lavorativa, deve essere compiuta con riferimento al .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

INCAPSULAMENTO DI MACCHINE

La Cassazione con la sentenza in oggetto ha fatto le seguenti considerazioni:
il D.Lgs. 277/91(art. 41, 1° comma) richiede che il datore di lavoro persegua un risultato ben preciso: ridurre al minimo consentito (dal progresso tecnologico) il rischio professionale dovuto al rumore; nel caso in esame l’azienda, pur avendo adottato alcune misure di protezione (DPI e pareti fonoassorbenti), non ha adottato le misure tecniche (presenti sul mercato) atte a ridurre al minimo il rumore prodotto dalle macchine ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE

L’agente, il quale svolge attività di per se rumorosa, è comunque sempre obbligato non solo a rispettare le disposizioni di legge e le prescrizioni impartite dall’autorità, ma anche a porre in essere tutte ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

INTRATTENIMENTI DANZANTI ALL'APERTO

Infatti, considerato che, mentre i limiti assoluti d'immissione hanno la finalità primaria di tutelare dall'inquinamento acustico l'ambiente inteso in senso ampio, i valori limite differenziali, facendo specifico riferimento al rumore percepito dall'essere umano, mirano precipuamente alla salvaguardia della ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

IPOACUSIA E COLPA DEL MEDICO COMPETENTE

Del resto, con riguardo alla questione del nesso causale tra ambiente di lavoro insalubre ed affezioni morbose contratte dal lavoratore va rilevato, che, contrariamente a quanto dedotto dai ricorrenti, il nesso, secondo la giurisprudenza di questa Corte, può essere affermato non solo allorchè si possa sostenere con certezza che l'adozione di norme precauzionali avrebbe scongiurato il prodursi dell'evento dannoso, ma anche nei casi in cui vi sia la ragionevole certezza che ..... 

Vai alla sentenza per esteso >>  

Va ricordato in premessa che, in tema di reato colposo, quando si verta in ipotesi di responsabilità omissiva, l'addebito può essere formalizzato a carico del titolare della posizione di garanzia, ossia del soggetto gravato dell'obbligo di impedire l'evento ex articolo 40, comma secondo, cod. pen., ma non basandosi tale addebito solo sulla posizione di garanzia, perché la responsabilità presuppone pur sempre la presenza dì una condotta concretamente colposa, dotata di un ruolo eziologico nella spiegazione dell'evento lesivo. In altri termini, la posizione di garanzia non implica automaticamente la responsabilità colpevole, quando manchi la prova che il soggetto abbia ..... 

Vai alla sentenza per esteso >>  

RENDITA PER IPOACUSIA

... sia il CTU, sia il CTP, di primo grado avevano dato rilievo al danno da tecnopatia relativo all'orecchio sinistro, il CTU in appello ha rilevato che: a) il maggior danno all'orecchio sinistro deve essere ascritto alle conseguente di un ... 

Vai alla sentenza per esteso >>  

REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI

La norma "interpretata" disciplina la modalità di esercizio della competenza statale nella individuazione dei requisiti acustici degli edifici, regolando il procedimento per l'adozione del relativo d.P.C.M., ma non considera in alcun modo i ..... 

Vai alla sentenza per esteso >>  

VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Obbligo di effettuare la valutazione del rischio di cui all'art. 40, D.Lgs. n. 277 del 1991 in ogni caso ed in modo completo - Irrilevanza del superamento o meno di una predeterminata soglia di rumorosità - Irrilevanza ai fini dell'esclusione della colpa dell'invocazione dell'ignoranza della legge penale data la chiarezza della norma e tanto più nel caso responsabile sia professionalmente inserito in un determinato campo di attività per cui maggiore deve essere il grado di informazione sulla normativa vigente in materia.

Vai alla sentenza per esteso >>  

Riportiamo una interessante raccolta di massime in materia di rumore. Vai alla raccolta >>  

                             
                         
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità per possibili errori od omissioni, 
nonché per eventuali danni derivanti dall'uso dei testi e dei relativi ipertesti sopra riportati.
    

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi