GIURISPRUDENZA

   

FUMO

Argomenti trattati nelle sentenze

 

DIVIETO DI FUMO

Senza entrare nel merito della valutazione di fatto compiuta dalla Corte territoriale, rileva la società ricorrente che fonte primaria della disciplina in materia è il Dlgs 19 settembre 1994 n. 626, che in attuazione di varie direttive Cee concentra sul datore di lavoro l'individuazione delle misure antinfortunistiche ritenute necessarie per la salvaguardia dell'azienda e dei lavoratori in essa occupati. Il datore infatti è deputato alla "valutazione dei rischi" ed alla programmazione delle misure più consone in ragione della attività svolta (articolo 3) ed ha l'obbligo di tenerle costantemente aggiornate (articolo 4), avendo il potere-dovere di organizzare all'interno dell'azienda il servizio di prevenzione e protezione in modo da impedire il verificarsi dei sinistri anche nel caso di errori o colpa concorrente del lavoratore.

Vai alla sentenza per esteso >>  

FUMO PASSIVO

La giurisprudenza di merito ha ritenuto in varie recenti pronunzie, provato il nesso eziologico tra l'esposizione a fumo passivo e la morte di un lavoratore, in quanto tale esposizione ben può considerarsi fattore concorrente sotto il profilo della probabilità scientifica. Ne deriva che la morte del lavoratore è attribuibile alla negligenza, imprudenza ed alla violazione di specifiche norme in tema di salute sui luoghi di lavoro del datore di lavoro, del dirigente e del preposto.
In proposito si veda la pronunzia del Tribunale di Milano del 1°.03.2002 (in Resp.civ. e prev. 2002, 1112) nella quale è stato precisato che la medicina del lavoro ha spesso richiamato l'attenzione sui rischi di esposizione al fumo passivo per i soggetti asmatici, di talchè può ben ritenersi sussistente la prevedibilità dell'evento per il dirigente e il preposto, i quali avevano poteri di intervento al fine di garantire la salute della lavoratrice sul luogo di lavoro. Così anche la pronunzia del Tribunale di ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

                               
                         
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità per possibili errori od omissioni, 
nonché per eventuali danni derivanti dall'uso dei testi e dei relativi ipertesti sopra riportati.
    

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi