GIURISPRUDENZA

   

ELETTRICITA'

Argomenti trattati nelle sentenze

 

CONDOTTA COMMISSIVA E CONDOTTA OMISSIVA

La Suprema Corte ha ribadito che i casi in cui l’agente pone in essere una condotta attiva colposa omettendo di adottare quella .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

DANNO BIOLOGICO

Con questa sentenza la Corte di Cassazione civile ha puntualizzato che "nella fattispecie di danno biologico provocato da un elettrodotto, è competente il ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

IMPIANTO ELETTRICO DI FORTUNA E MORTE PER FULMINAZIONE

Quanto al secondo punto emerge piuttosto nitidamente dalla sentenza gravata che il Co. non è stato condannato per un fatto antecedente colposo estraneo ed indipendente dall'evento letale, ma, sulla base dell'incontroversa istruttoria, per avere fattivamente concorso alla predisposizione del fatidico impianto elettrico: egli lo collegò al quadro generale del cantiere ed intervenne al primo verificarsi di dispersioni, manipolando lo .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

IMPIANTO ELETTRICO E RESPOnSABILITA' DEL DATORE DI LAVORO

Di qui, il principio enunciato nel precedente giurisprudenziale cui questo Collegio ritiene di allinearsi, secondo cui, in tema di posizioni di garanzia in materia antinfortunistica, «il responsabile del servizio manutenzione ed il responsabile del reparto sono privi di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

LOCALIZZAZIONE IMPIANTI

La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri contro una legge regionale sulla "localizzazione degli impianti fissi per l'emittenza radio e televisiva e di impianti per la telefonia mobile".
La Presidenza del Consiglio dei Ministri riteneva che la legge regionale in questione violasse la ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

MANUTENZIONE DELL'IMPIANTO DI MESSA A TERRA

La Suprema Corte afferma che "la giurisprudenza di questa Corte ha poi più volte affermato la continuità ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

MORTE PER FOLGORAZIONE DI UN LAVORATORE NELLA TESATURA DI UN CAVO ELETTRICO IN BASSA TENSIONE

Il datore di lavoro aveva messo a disposizione dei propri dipendenti dispositivi di protezione quali funi anticaduta, guanti e scarpe antisdrucciolo; rileva che tuttavia tale circostanza non aveva alcuna rilevanza al fine di escludere la responsabilità del datore di lavoro in quanto, come già era stato sottolineato nella sentenza di primo grado, il punto nodale della vicenda era rappresentato dal non aver individuato un rischio .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

MORTE PER FOLGORAZIONE MANOVRANDO IL BRACCIO DI UNA GRU

Quest'ultimo, manovrando il braccio della gru, montata sull'autocarro che conduceva, toccava per mezzo della stessa l'elettrodo dell'ENEL da 20000 V soprastante di mt 6,78 dal piano di campagna, ricevendo così una forte scarica elettrica che, mediante il contatto tra la leva di comando e la mano sinistra, attraversava il corpo uscendo dal piede sinistro, causando la di lui morte per arresto cardiocircolatorio conseguente a folgorazione. ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

NORME REGIONALI

La legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (Legge 22 febbraio 2001, n. 36) attribuisce, infatti, allo Stato la determinazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità in materia di valori di campo definiti ai fini della ulteriore progressiva "minimizzazione" dell'esposizione (art. 4, comma 1, lettera a), mentre attribuisce alla competenza delle Regioni la indicazione degli obiettivi di qualità in materia di criteri localizzativi, standard urbanistici, prescrizioni e incentivazioni (art. 3, comma 1, lettera d, n. 1, e art. 8, comma 1, lettera e).
La Corte Costituzionale con questa sentenza ha affermato che
...

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilità di un committente PER Infortunio mortale di un lavoratore autonomo

Il cardine della decisione in esame è rappresentato dalla mancata adozione delle misure necessarie ad eliminare il rischio di elettrocuzione incombente sull'area dei lavori per effetto della sovrastante linea elettrica; obbligo che incombeva al .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RIPRISTINO DELLA LINEA ELETTRICA INTERROTTA

Ne consegue che il datore di lavoro, ha il dovere di accertarsi del rispetto dei presidi antinfortunistici e del fatto che il lavoratore possa prestare la propria opera in condizioni di sicurezza, vigilando altresì a che le condizioni di sicurezza siano mantenute per tutto il tempo in cui è prestata l'opera. In altri termini, il datore di lavoro deve sempre .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

SANZIONI AMMINISTRATIVE

La normativa in base alla quale è stata adottata l'ordinanza 12215/02 attribuisce, infatti, all'autorità comunale poteri autoritativi e discrezionali a tutela degli interessi delle collettività che vivono nell'ambito del territorio e, nella specie, della salute pubblica, fine istituzionale, questo, di cui ogni ente territoriale è ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

SOSTITUZIONE DI UN CAVO E MORTE PER FOLGORAZIONE DI UN LAVORATORE

Non vi è dubbio in ordine al coinvolgimento dell'imputato che nell'esame dibattimentale ha ammesso di aver eseguito personalmente l'operazione di fascettatura dei cavi che hanno dato causa alla morte del dipendente. Si esclude in conseguenza che la responsabilità dell'accaduto sia ascrivibile a soggetti diversi dall'imputato. D'altra parte l'imputato, nella sua veste di datore di lavoro, era obbligato ai sensi dell'articolo .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

STAZIONI RADIO BASE: INSTALLAZIONE SUL TETTO DEL CONDOMINIO

Il ricorrente addiceva due ordini di motivi, che avrebbero viziato la deliberazione impugnata: la violazione dell'articolo 1108 C.c., in quanto era stato adottato a maggioranza un intervento la cui realizzazione avrebbe determinato la costituzione di una servitù di passaggio a carico delle parti comuni del fabbricato, qualificando come locazione un rapporto che invece costituiva un ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

VERIFICA E MANUTENZIONE IMPIANTI DI MESSA A TERRA E DI PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE

La Suprema Corte osserva nella sentenza che:  "il D.P.R. 22 ottobre 2001, n. 462 contiene disposizioni di natura sicuramente regolamentare - come recita lo stesso titolo (D.P.R. 22 ottobre 2001, n. 462, dal Titolo: "Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazione e dispositivi di protezione, contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi").
Tale D.P.R. n. 462 del 2001 non contiene, al proprio interno, alcuna .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

                           
                         
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità per possibili errori od omissioni, 
nonché per eventuali danni derivanti dall'uso dei testi e dei relativi ipertesti sopra riportati.
    

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi