GIURISPRUDENZA

   

CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Argomenti trattati nelle sentenze

 

APPALTO DI OPERE PUBBLICHE COMUNALI

Delitti contro la persona - Omicidio colposo - Appalto di opere pubbliche comunali - Pericolo sui luoghi di lavoro - Responsabilita' del Sindaco.

Vai alla sentenza per esteso >>  

APPALTI DI SERVIZI E LEGGE 46/90

La seguente sentenza ha stabilito che le imprese che partecipano ad appalti di servizi, oltre a possedere la qualificazione SOA devono anche possedere i requisiti e la abilitazione previsti dalla legge 46/1990 sulla sicurezza degli impianti.

Vai alla sentenza per esteso >>  

AUTOBETONPOMPA

Con questa sentenza la Suprema Corte di Cassazione ha chiarito che, se in una grande azienda esiste una delega di funzioni in tema di sicurezza, il datore di lavoro, in caso di incidenti sul lavoro che configurano responsabilità penali, non può .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

BALCONE SENZA PROTEZIONE

Con questa sentenza della Corte di Cassazione e' stata affermata la responsabilità dell’appaltatore per la morte di una donna a seguito della caduta da un balcone dal quale .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

CADUTE DALL'ALTO

Resposanbilita' del subappaltante in caso di caduta dall'alto
In caso di infortunio sul lavoro, non è consentito al datore di lavoro invocare a propria discolpa, per farne discendere l'interruzione del nesso causale, la legittima aspettativa della diligenza del lavoratore, allorquando lo stesso datore di lavoro .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Caduta da montacarichi e azione di regresso dell'INAIL
Nel caso di rapporti con gli enti pubblici, occorre distinguere tra indisponibilita' del diritto da parte dell'amministrazione e disponibilita' da parte del privato: la decadenza dell'amministrazione dall'esercizio di un potere nei confronti del privato, in quanto stabilita in favore e nell'interesse esclusivo di quest'ultimo, in materia di diritti da questo disponibili, non puo' essere .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Caduta dall'alto per rottura parapetto
..... per il comma 3° di questa norma, incombe sul datore di lavoro committente promuovere la cooperazione e il coordinamento. E questo obbligo deve ritenersi escluso soltanto nel caso previsto dal comma 3° u.p. dell'art. 7 ricordato (che esclude l'obbligo per il datore di lavoro committente per i "rischi specifici delle attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi"); esclusione che va riferita non alle generiche precauzioni da adottarsi negli ambienti di lavoro per evitare il verificarsi di incidenti ma alle regole che .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Caduta in un vano ascensore
Il committente (unitamente al responsabile dei lavori) è chiamato a verificare l'adempimento da parte dei coordinatori degli obblighi di assicurare e di verificare il rispetto, da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni contenute nel .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Formazione dei lavoratori
 ... essendosi verificata la necessità di oscurare con teli neri, per consentire l'effetto notte, un lucernario posto su un capannone attiguo, un dipendente, servendosi di una scala esterna, saliva sul tetto di tale capannone, costituito da pannelli in eternit, e, nel mentre era intento a collocare i teli di copertura, a causa dello sfondamento del tetto, precipitava a terra, dall'altezza di 5 metri, riportando lesioni gravissime che ne cagionavano il decesso tre giorni dopo. 

Vai alla sentenza per esteso >>  

Informazione e formazione antinfortunistiche non effettuate e caduta dall'alto
 ... nessuno dei testimoni ha riferito che il datore di lavoro, o chi per esso, avesse effettuato alcuna attività di informazione e formazione sulle norme antinfortunistiche) e di non avere attentamente e specificamente vigilato affinchè .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

(1) Lastre di cemento-amianto - Caduta di un lavoratore da un tetto in di un capannone e formazione
I giudici di merito hanno ritenuto, con riferimento alla specie, assolutamente inadeguato il tipo di formazione nei riguardi del P. che rivestiva la qualifica di apprendista, rispetto agli obiettivi della legge.
Per quel che riguarda, poi, le misure di sicurezza approntate nel cantiere in cui è avvenuto l'incidente e l'effettivo utilizzo di tali misure, la sentenza ritiene motivatamente confermate da riscontri, e non smentite in modo decisivo da elementi di segno contrario, le dichiarazioni del P. il quale ha riferito che i responsabili dell'impresa lo stimolavano a eseguire in fretta il lavoro; che lo invitavano a .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

(2) Lastre di cemento-amianto - Caduta di un lavoratore da un tetto in di un capannone e responsabilita' del datore di lavoro
Esiste in capo al datore di lavoro una posizione di garanzia che gli impone di apprestare tutti gli accorgimenti, i comportamenti e le cautele necessari a garantire la massima protezione del bene protetto, la salute e l'incolumità del lavoratore appunto, posizione che esclude che il datore di lavoro possa fare affidamento sul .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Obbligo per il datore di lavoro di predisporre le necessarie protezioni
La Suprema Corte afferma che: "Non è in discussione, nel presente giudizio, che i piani superiori dell'edificio dove si è verificato l'incidente fossero privi delle necessarie protezioni. L'imputato però si difende affermando che il lavoratore infortunato era stato incaricato di lavorare al .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilita' del direttore di stabilimento con delega alla sicurezza
Il direttore di stabilimento delegato alla sicurezza deve rispondere penalmente del delitto e della contravvenzione ascrittagli, in quanto l’accertata causa della morte dell’operaio era da collegare eziologicamente alla sua .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilità dell'appaltatore e del subappaltatore nel caso di un infortunio mortale per caduta dall'alto
Nel caso in cui i lavori ricevuti in subappalto vengano a loro volta subappaltati in parte a una ditta che operi con modalità artigianali e con pochi dipendenti e senza essere dotata di apposite strutture che consentano una completa autonomia operativa, usufruendo, mentre è ancora in funzione il cantiere per la realizzazione dell'intera opera appaltata, delle attrezzature in questo installate da chi ha ricevuto e poi dato in subappalto l'opera, incombono anche sull'impresa subappaltante, obblighi di vigilanza in ordine al rispetto delle norme antinfortunistiche e all'osservanza dei comuni precetti di prudenza, perizia e diligenza, in quanto responsabile dell'organizzazione di cantiere. (Nel caso di specie, una società subappaltatrice dei lavori di realizzazione di un prefabbricato aveva dato in subappalto la parte di opere relative all'impermeabilizzazione del solaio dell'edificio ad altra ditta; un dipendente di quest'ultima era rimasto vittima di un infortunio, essendo precipitato al suolo mentre era intento alla impermeabilizzazione della copertura, posto che non indossava cinture di sicurezza e, comunque, non era in altro modo assicurato al solaio, quest'ultimo peraltro sprovvisto di protezione verso l'esterno. Il decesso del lavoratore è stato addebitato anche al responsabile della società subappaltatrice dei lavori di impermeabilizzazione).

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilita' del coordinatore per la sicurezza per caduta dall'alto di un operaio durante i lavori di ristrutturazione dell'ospedale
Ciò detto, è appena il caso di soggiungere che le esposte ragioni della affermata responsabilità penale dell'imputato non implicano alcuna confusione con i compiti e le responsabilità proprie del delegato alla sicurezza nominato dalla committente.
La normativa dettata in materia di sicurezza sul lavoro attribuisce, infatti, come detto, al coordinatore per la fase di esecuzione dei lavori una specifica posizione di garanzia, che non si sovrappone, bensì si aggiunge a quella assegnata ad altri soggetti destinatali delle norme antinfortunistiche, e ne individua gli obblighi nei termini sopra delineati, trattandosi peraltro di posizione di garanzia diretta, essendo per essa prevista una diretta responsabilità......

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilita' del datore di lavoro in caso di assenza di impalcature
La mancata predisposizione di adeguate impalcature e ponteggi a norma dall’art.16 d.p.r. n.164 del 1956, in presenza di un’altezza maggiore di due metri rispetto al suolo esterno dell’edificio in costruzione (indipendentemente da un’altezza minore all’interno dell’edificio per la presenza di un solaio), determina la responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio occorso, qualora si accerti che le prescritte impalcature e i prescritti ponteggi avrebbero consentito di operare in condizioni di maggiore stabilità, evitando con ciò la caduta (ipotesi di lavoratore dipendente edile che lavorando sul tetto dell’edificio in costruzione cade all’interno dell’edificio per sfondamento delle strutture su cui era appoggiato).

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilita' del datore di lavoro in caso di caduta da un lucernario
In proposito è stato condivisibilmente ritenuto che, in materia di infortuni sul lavoro, il D.Lgs n. 626 del 1994, se da un lato prevede anche un obbligo di diligenza del lavoratore, configurando addirittura una previsione sanzionatoria a suo carico, non esime il datore di lavoro, e le altre figura ivi istituzionalizzate, e, in mancanza, il soggetto preposto alla responsabilità ed al controllo della fase lavorativa specifica, del.....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilita' del datore di lavoro, del CSP, CSE e del responsabile dei lavori di lavoro per un infortunio mortale causato da caduta dall'alto
Il datore di lavoro deve avere la cultura e la forma mentis del garante del bene costituzionalmente rilevante costituito dalla integrità del lavoratore, e non deve perciò limitarsi ad informare i lavoratori sulle norme antinfortunistiche previste, ma deve .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilità del subappaltatore per caduta da un ponteggio non realizzato a regola d'arte
La Corte di Cassazione affermava la responsabilità del subappaltatore per gli incidenti che avvengono in cantiere anche nell'ipotesi in cui sia sempre presente l'appaltatore e un rappresentante del committente......

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilità per mancata consegna cinture di sicurezza
Appare decisivo il dato, pure rimarcato in sentenza, della non episodicità della mancanza delle cinture di sicurezza sul luogo di lavoro (per essere invece le stesse - come s'è ripetuto - del tutto inutilmente conservate in magazzino a distanza di più di un chilometro) nonché quello secondo cui, alla stregua di quanto affermato dai testi A. e O. , non era il L. a decidere autonomamente se e quanto utilizzare (ossia, prelevare dal magazzino) le cinture di sicurezza, ma piuttosto alla consegna delle stesse restava delegato ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

CADUTA DA MONTACARICHI E AZIONE DI REGRESSO DELL'INAIL

..... ed invero, il combinato disposto degli artt. 186 comma 2 e 191 comma 9 del D.Lgs. n. 163/2006 consente l’aggregazione tra contraenti generali in associazione temporanea soltanto se nell’ATI già vi sia almeno un soggetto da solo in possesso della .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

CAPOSQUADRA DELEGATO ALLA SICUREZZA IN CANTIERE

Con questa sentenza la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, respingendo il ricorso presentato da un caposquadra delegato alla sicurezza in un cantiere, ha ritenuto il delegato responsabile della sicurezza in azienda esonerando i vertici aziendali da ogni responsabilità.
Il caposquadra, delegato alla prevenzione, infatti, risponde personalmente degli infortuni suoi e dei suoi compagni se non ha seguito e fatto seguire le .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

carico sospeso E MORTE DI UN LAVORATORE

Con particolare riguardo alla pretesa esclusione di responsabilità dell'imputato, in ragione della preponderante posizione di garanzia assunta dal coimputato preposto (Omissis), è appena il caso di richiamare il principio affermato dalla giurisprudenza di questa corte, ai sensi del quale, in tema di omicidio colposo da infortuni sul lavoro, se più sono i titolari della posizione di garanzia (nella specie, relativamente al rispetto della normativa antinfortunistica sui luoghi di lavoro), ciascuno è .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

CASSEFORMI PER IL GETTO DEL CALCESTRUZZO

Le norme dettate in tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, tese ad impedirle l'insorgenza di situazioni pericolose, sono dirette a tutelare il lavoratore non solo dagli incidenti derivanti dalla sua disattenzione, ma anche da quelli ascrivibili a .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

CODICE DEGLI APPALTI

..... ed invero, il combinato disposto degli artt. 186 comma 2 e 191 comma 9 del D.Lgs. n. 163/2006 consente l’aggregazione tra contraenti generali in associazione temporanea soltanto se nell’ATI già vi sia almeno un soggetto da solo in possesso della .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

COMMITTENTE

La responsabilità dell'appaltatore non esclude, in caso di infortunio, la configurabilità della responsabilità anche del committente. Questi, infatti, in termini generali, è corresponsabile qualora l'evento si colleghi casualmente anche alla sua colposa omissione e ciò avviene, ad esempio, quando i lavori si svolgano in presenza di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

In sede di legittimità si è reiteratamente precisato, giudicando della responsabilità dei garanti in relazione ad infortuni sul lavoro, quali siano le condizioni ricorrendo le quali il committente resta esonerato dalla penale responsabilità. Non potendo esigersi da questi un .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

La Corte di Cassazione ha ripetutamente affermato che "il dovere di diligenza del committente non si esaurisce nella scelta di un'impresa che sia tecnicamente in grado di eseguire il lavoro da commissionare, estendendosi alla verifica dell'idoneità dell'impresa appaltatrice a svolgere determinate lavorazioni in condizioni di sicurezza per i lavoratori, configurandosi quindi la responsabilità del committente qualora sia verificato in concreto che fosse da lui .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Sul punto, varrà richiamare l'insegnamento della giurisprudenza di legittimità secondo cui, in tema di infortuni sul lavoro, il coordinatore per la progettazione ha essenzialmente il compito di redigere il piano di sicurezza e coordinamento (PSC), che contiene l'individuazione, l'analisi e la valutazione dei rischi, e le conseguenti .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

La Corte di Cassazione con questa sentenza ha stabilito che il 'committente' responsabile ai sensi dell’osservanza delle norme in materia di sicurezza sul lavoro all’interno dei cantieri edili, non deve necessariamente rivestire la qualifica di imprenditore o di titolare del rapporto di lavoro, in quanto si identifica esclusivamente con il soggetto .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

CONCORSO DI COLPA TRA COMMITTENTE E VITTIMA DELL'INFORTUNIO

La corte di merito ha inoltre ritenuto sussistente il concorso di colpa della vittima in quanto assunse un incarico del quale poteva .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L'ESECUZIONE

Al coordinatore per l'esecuzione vengono attribuiti compiti specifici e precisi obblighi, che lo indicano, come già detto, quale titolare di un'autonoma posizione di garanzia, che si affianca a quelle degli altri soggetti destinatari della normativa antinfortunistica e che ad esso affidano, oltre a compiti organizzativi, di coordinamento e di collegamento tra le diverse imprese nella realizzazione dell'opera, anche doveri di vigilanza. In particolare, per quanto qui interessa, al coordinatore per l'esecuzione dei lavori è attribuito, tra gli altri, il compito di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Alla luce del principio interpretativo in precedenza esposto risulta, dunque, infondato l'assunto in base al quale su C.D. non incombesse alcun obbligo di garanzia in ragione del fatto che le opere edili fossero terminate e che, con esse, fosse cessato il cantiere temporaneo da lui coordinato, posto che l'opera alla cui realizzazione il cantiere era preordinato non era stata consegnata al committente e nel cantiere si dovevano ancora svolgere attività di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Occorre, in ogni caso, precisare che, per verificare se un infortunio coinvolga la responsabilità del coordinatore per la sicurezza,si devono analizzare le caratteristiche del rischio dal quale è scaturita la caduta; occorre, cioè, comprendere se si tratti di un accidente contingente, scaturito estemporaneamente dallo sviluppo dei lavori, come tale affidato alla sfera di controllo del datore di lavoro o del suo preposto, o se, invece, l'evento stesso sia riconducibile alla .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Nel caso che ci occupa i ricorrenti nella qualità ad essi contestata hanno omesso di designare il coordinatore per l'esecuzione dei lavori, con la conseguenza che è da ritenersi senz'altro corretta la ritenuta configurabilità della responsabilità anche a loro carico, poiché, nel caso di specie, come evidenziato dalla Corte distrettuale, l’evento è collegato casualmente anche alla loro colposa omissione e .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

E’ vero, come sostiene il ricorrente che diverso è il ruolo che la legge attribuisce al coordinatore rispetto a quello attribuito al datore di lavoro delle imprese esecutrici dei lavori e che quello del coordinatore è indicato come funzione di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

In ogni caso, il complessivo contesto motivazionale non lascia incertezze di sorta in proposito, avendo il giudice del gravame ampiamente argomentato sui temi concernenti le modalità dell’incidente e le cause dello stesso, gli avvenimenti del giorno precedente che lo avevano annunciato, le singole responsabilità, le condotte colpose attribuite agli imputati, il nesso di causa, la correlazione tra accuse contestate e sentenza.
Da tale ampio contesto argomentativo, emerge in maniera evidente che i giudici del merito hanno valutato i comportamenti di ciascuno degli imputati, che oggi si scaricano l’un l'altro ogni responsabilità, ed hanno ritenuto che ciascuno di essi era perfettamente consapevole dei compiti che la legge assegnava ad ognuna delle diverse figure professionali presenti in cantiere ed anche delle carenze in esso esistenti sotto il profilo della sicurezza, e quindi anche delle responsabilità che per ciascuno singolarmente conseguivano. Consapevolezza concernente, evidentemente, solo la partecipazione di altri soggetti, in termini di mancati adempimenti di obblighi ad essi anche riconducibili, e non, come è ovvio trattandosi di reati colposi, il verificarsi dell’evento.
In proposito, d’altra parte, questa Corte ha già avuto modo di affermare che "Ai fini del riconoscimento della cooperazione nel reato colposo non è necessaria la
 .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Né può la ricorrente addurre a propria difesa la circostanza che originariamente la copertura del cavedio era stata realizzata a norma, né che la rimozione della stessa autonomamente decisa da un dipendente della ditta incaricata della posa, si era resa necessaria per consentire il passaggio di tubazioni. Invero, sono oggi in discussione, non i comportamenti e le responsabilità, pur sussistente, di chi ha realizzato la copertura o di chi l'ha ripristinata, né le ragioni della rimozione. In realtà, l'incertezza concernente le cause della irregolare copertura, sia stata essa originaria o conseguente ai lavori di ripristino, così come le ragioni della rimozione della stessa e l'individuazione di chi l'ha decisa, non valgono a escludere o anche solo a ridimensionare le responsabilità dell' .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

La Suprema Corte afferma che nel caso di specie la compresenza, pur non contemporanea, di due diverse imprese, emergeva chiaramente, tra l’altro, dalla natura degli interventi appaltati, relativi al ripristino della copertura del capannone ed all’installazione sulla stessa di impianto fotovoltaico. Pertanto, è stato anche osservato che, almeno per un certo periodo, si .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

L'obbligo di verifica (questo sì da attuare costantemente) è invece proprio del ruolo di coordinatore per l'esecuzione e risulta (secondo apprezzamento di fatto incensurabile perchè non irragionevole) essere rimasto insoddisfatto a fronte della prassi operativa "irregolare" che, in quanto .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Sulla base della deposizione del funzionario della ASL M.C. e della documentazione prodotta agli atti era risultato che l'imputato, nella sua qualità di coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e esecuzione del cantiere sito ad ***, aveva omesso di verificare con opportune azioni di coordinamento le fasi di lavoro della posa dei ferri di armatura all'interno di uno scavo, non provvedendo, in particolare, alla .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Ai due odierni ricorrenti era stato addebitato il reato di cui agli articoli 40 cpv. e 113 c.p. e articolo 589 c.p., commi 1 e 2, perchè nella loro qualità di coordinatori per la progettazione e la realizzazione dei lavori di ampliamento dello stabilimento industriale (...omissis...), per colpa consistita in negligenza imprudenza e imperizia nonchè in specifica violazione della legge e per non aver adottato tutti i dispositivi di sicurezza previsti .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Con la seguente sentenza la Corte di Cassazione ha trattato i lavori svolti in difformità dal piano di sicurezza, rilevando la responsabilità del coordinatore per l'esecuzione dei lavori per il mancato aggiornamento del piano di sicurezza e per non aver sospeso i lavori a causa della gravità e imminenza del pericolo di crollo, che si era poi verificato, causando l'infortunio mortale del contitolare della ditta appaltatrice dei lavori di ristrutturazione.

Vai alla sentenza per esteso >>  

Il coordinatore aveva redatto in modo carente il prescritto piano di sicurezza e coordinamento in quanto non prendeva adeguatamente in considerazione l'operazione di ......

Vai alla sentenza per esteso >>  

Responsabilità di un coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e sua posizione di garanzia
Si osserva che, in materia di sicurezza del lavoro, il coordinatore per l'esecuzione del lavori, cui sono riconosciuti dalla normativa anche poteri a contenuto impeditivo in situazioni di pericolo grave ed imminente, è titolare di una posizione di garanzia nei limiti degli ......

Vai alla sentenza per esteso >>  

Coordinatore per l'Esecuzione: responsabilita' per mancato ADEGUAMENTO del Piano di Sicurezza e Coordinamento
Si osserva che, in materia di sicurezza del lavoro, il coordinatore per l'esecuzione del lavori, cui sono riconosciuti dalla normativa anche poteri a contenuto impeditivo in situazioni di pericolo grave ed imminente, è titolare di una posizione di garanzia nei limiti degli ......

Vai alla sentenza per esteso >>  

DELEGA DI FUNZIONI E CAPO CANTIERE

..... in materia di infortuni sul lavoro, gli obblighi di prevenzione, assicurazione e sorveglianza gravanti sul datore di lavoro possono essere delegati, con conseguente subentro del delegato nella posizione di garanzia che fa capo al delegante, a condizione che .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

DEMOLIZIONE

RESPONSABILITA' DELLE VARIE FIGURE COINVOLTE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

L'iniziativa dei due lavoratori, sebbene negligente, non poteva essere considerata un comportamento abnorme ed imprevedibile idoneo a recidere il nesso causale tra l'evento e la condotta omissiva dell'imputato.
La carenza del rispetto delle misure di sicurezza era frutto delle condotte omissive non solo del .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILITA' DEL COORDINATORE PER L'ESECUZIONE

Non può dubitarsi che una tale congerie di doveri imposti dalle norme menzionate a carico del coordinatore per l'esecuzione dei lavori configuri a carico di questo una posizione di garanzia tutt'altro che .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

difetto grave nell'appalto per violazioni norme antisismiche

Le violazioni delle prescrizioni dettate per la progettazione e l'esecuzione delle costruzioni soggette ad azione sismica integrano i gravi difetti, di cui l'appaltatore è responsabile nei confronti del .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

DIRETTORE DEI LAVORI

La qualifica di direttore dei lavori non comporta automaticamente la responsabilità per la sicurezza sul lavoro ben potendo l’incarico di direttore limitarsi alla sorveglianza tecnica attinente alla esecuzione del progetto (Sez. 4, n. 49462 del 26/03/2003, Viscovo, Rv. 227070;Sez. 4, n. 12993 del 25/06/1999, Galeotti, Rv. 215165; Sez.3, n. 11593 del 01/10/1993, Telesca, Rv.196929). Si è infatti chiarito, sia pure con riferimento agli artt. 4 e 5 del d.P.R. n. 547 del 1955 (essendo sotto tale profilo analogo il disposto degli attuali art. 17, 18 e 19 del d. lgs. n. 81 del 2008), che destinatari delle norme antinfortunistiche sono i datori di lavoro, i dirigenti e i preposti, mentre il direttore dei lavori per conto del committente è tenuto alla vigilanza dell' ..... 

Vai alla sentenza per esteso >>  

Questa Suprema Corte ha da tempo chiarito che i destinatari delle norme antinfortunistiche sono i datori di lavoro, i dirigenti e i preposti; e che il direttore dei lavori, per conto del committente, è tenuto alla vigilanza sull'.....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Il direttore dei lavori è responsabile dell'esecuzione delle opere edilizie che vengono affidate alla sua direzione.
Lo ha stabilito la Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione annullando una sentenza della Corte di Appello di Milano.
La Suprema Corte, infatti, pur annullando una condanna emessa dai Giudici di merito per non aver commesso il fatto nel caso concreto, ha sottolineato l'importanza del ruolo del direttore dei lavori, che, in quanto professionista abilitato, incaricato dall’appaltatore o dal committente, sovrintende alle opere assumendo la responsabilità tecnica della loro esecuzione. Conseguentemente, egli ha compiti di controllo della conformità della costruzione alla concessione ed alle modalità esecutive stabilite nella stessa, e risponde penalmente ogniqualvolta da suoi comportamenti omissivi derivino illeciti edilizi, sempre che questi ultimi siano concretamente riconducibili al suo operato, cosa che non si è verificata nel caso in questione.

Vai alla sentenza per esteso >>  

DIRETTORE DI CANTIERE 

Il titolare di una posizione di garanzia in materia di lavoro, infatti, in quanto destinatario delle norme antinfortunistiche, è esonerato da responsabilità quando il comportamento del lavoratore, rientrante nelle mansioni che gli sono proprie, sia abnorme, dovendo definirsi tale il comportamento imprudente del lavoratore che sia consistito in  .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

DURC

DURC E ABUSI EDILIZI
La normativa nazionale in materia di regolarità contributiva è spesso integrata da leggi regionali che individuano ulteriori fasi o particolari motivazioni che rendano necessario acquisire il DURC .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

DURC E AVVALIMENTO
E' sufficiente la produzione di un DURC rilasciato dall'ufficio .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

DURC e verifiche da parte della stazione appaltante
Nel caso in cui dopo l'aggiudicazione provvisoria, venga acquisita una certificazione dalla quale risulti la mancanza della regolarità contributiva, l'amministrazione non .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

ESCLUSIONE DA UNA GARA DI APPALTO DI LAVORI PUBBLICI

Il fatto illecito è stato commesso in danno di un dipendente della società, durante l’orario di lavoro, mentre prestava la propria attività utilizzando macchinari dell’azienda .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

FASCICOLO DEL FABBRICATO

Secondo la Corte Cost., infatti, i compiti attribuiti dal citato art. 4 al tecnico incaricato sono tali da richiedere, per la loro ampiezza ed eterogeneità, la nomina non già di «un tecnico incaricato» (come disposto dall’art. 2 della legge), bensì di una pluralità di professionisti abilitati, secondo i rispettivi ordinamenti professionali, ad effettuare le indagini e a fornire i dati richiesti dagli artt. 3 e 4 della legge. Con la conseguenza che, anche a prescindere dall’entità degli oneri economici imposti indistintamente a tutti i proprietari dei fabbricati e, quindi, anche a quelli di più modeste condizioni economiche, la disciplina legislativa finisce per risultare, nel raccordo dell’art. 2 con l’art. 4 della legge, intimamente contraddittoria e, quindi, irragionevole poiché contrasta con l’art. 3 sul principio di uguaglianza. ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

FOLGORAZIONE

Folgorazione per assenza di protezione contro i contatti indiretti e responsabilita' del direttore dei lavori
Questa Suprema Corte ha da tempo chiarito che i destinatari delle norme antinfortunistiche sono i datori di lavoro, i dirigenti e i preposti e che il direttore dei lavori, per conto del committente, è tenuto alla vigilanza sull'esecuzione fedele del capitolato di appalto e non può essere chiamato a rispondere dell'osservanza di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Folgorazione nell'uso di autopompa per il calcestruzzo
Osservanza della normativa antinfortunistica e figure responsabili - La sentenza è interessante in quanto la Corte Suprema, ancora una volta, ha affrontato il problema di quelle che sono le figure responsabili per la sicurezza all'interno di un cantiere, affermando una volta di più che la normativa antinfortunistica proprio perchè tutela un bene d'interesse pubblico non può essere derogata dalla volontà dei privati, di talchè l'eventuale clausola contrattuale con la quale la ditta appaltatrice trasferisce ad altra ditta cui ha subappaltato i lavori, la responsabilità e gli oneri in ambito di sicurezza, è tamquam non esset.

Vai alla sentenza per esteso >>  

Dalla formale qualità di datore di lavoro, sia pure con contratto vietato, è derivata l'assunzione degli obblighi di garanzia collegati a tale figura avendo questa Corte già precisato che in tema di responsabilità del datore di lavoro per gli infortuni sul lavoro, l'esistenza di un contratto di appalto di mere prestazioni di lavoro, vietato dalla L. 23 ottobre 1960, n. 1369, non determina il venir meno di ogni responsabilità del sub-appaltatore che dovrà 4, n. 952 del 27.11.1996, Rv. 206990, secondo cui il datore di lavoro é esonerato da responsabilità soltanto quando il comportamento .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Folgorazione nell'uso di una betoniera
Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte di Appello confermava la decisione del Tribunale che aveva condannato il rappresentante legale dell'azienda costruttrice della spina e il proprietario del cantiere nonche' datore di lavoro della vittima per il delitto di omicidio colposo aggravato dalla violazione delle norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro commesso in danno dell’apprendista muratore.
Questi era rimasto ucciso per folgorazione da scarica elettrica, mentre manovrava una betoniera collegata all’impianto da una presa a spina, costruita dal legale rappresentante della azienda costruttrice della spina in modo non conforme alle leggi 791-77 e 186-68.
Infatti il conduttore di protezione della spina, distaccatosi dal relativo spinotto, determinava il contatto tra questo spinotto ed il conduttore di energia in fase di tensione, così cagionando la totale eliminazione della protezione e la contemporanea messa in tensione della carcassa della betoniera, ove stava lavorando l'apprendista, rispetto al terreno, al valore di 200 Volt.

Vai alla sentenza per esteso >>  

GRU

Orbene, il ribaltamento della gru nelle concrete circostanze operative in cui si muovevano i lavoratori ( B*. e il deceduto B. ), rappresenta solo una delle possibili "modalità" di produzione dell'evento lesivo ma non l'evento in sé stesso.
Sicché, nel caso di specie, legittimamente i giudici del merito hanno rilevato precisi profili di colpa a carico dell'odierno ricorrente, nel non aver impedito i rischiosi movimenti dei suoi lavoratori nell'area di operatività della gru;ed in particolare di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

In questa sentenza la Suprema Corte - Sezione penale - ha ritenuto dimostrato il nesso di causalità tra l'omesso controllo e la morte di un lavoratore che, nella cabina di guida di una gru, non adeguata dal punto di vista della sicurezza, era uscito dalla cabina precipitando nel vuoto.

Vai alla sentenza per esteso >>  

IDONEITA' TECNICO PROFESSIONALE

Ai sensi dell’art. 7 D. Lgs. n. 626 del 1994 (ora trasfuso nell’art. 26 D. Lgs. n. 81 del 2008), in caso di affidamento dei lavori ad imprese subappaltatrici o a lavoratori autonomi all’interno dell’azienda del committente o di una unità produttiva della stessa, sull’appaltante grava una serie di obblighi positivi di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

IMPALCATURE

L'art. 111, comma secondo, D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, che individua gli Obblighi del datore di lavoro nell'uso di attrezzature per lavori in quota, nel prevedere l'obbligo del datore di lavoro di scegliere il tipo più idoneo di sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota, specifica, in particolare, che il passaggio da un sistema di accesso a piattaforme, impalcati, passerelle e viceversa non deve comportare rischi ulteriori di caduta; ne consegue che non può ritenersi preclusa al giudice la valutazione della idoneità o meno del sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota, ritenendo insufficiente l'adozione di un sistema di scale sfalsate .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Analizza invero adeguatamente il giudice di merito il compendio probatorio, riportando dettagliatamente le dichiarazioni del teste C.A., in servizio presso la Usl 5 di Pisa, che aveva effettuato un sopralluogo nel cantiere e constatato che il ponteggio distava 45 cm dall'edificio, laddove la legge prevede 20 cm (si osserva per inciso che una tale distanza del ponteggio - che lo rendeva ictu oculi pericoloso - non poteva certo essere attribuita ad una contingente iniziativa di un solo operaio come DP.M. per accelerare i lavori), che in un tratto era privo di parapetto e di fermapiedi per esigenze della lavorazione che stavano effettuando gli operai e che questi, in siffatta situazione, avrebbero dovuto essere dotati di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Se il contratto di fornitura stipulato fosse un vero subappalto oppure avesse per oggetto la mera fornitura di manodopera (tesi quest'ultima sostenuta nella sentenza di appello con argomentazioni coerenti e non manifestamente illogiche), è utile per porre a carico del B. un ulteriore profilo di colpa circa l'affidamento di lavori ad un'azienda non dotata di adeguata professionalità, ma non deve fare obliterare che la principale colpa del B. è stata quella di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Il fatto che la ditta " T. " si sia attivata per porre rimedio all'assenza delle sicurezze che avrebbero dovuto essere state già installate rappresenta circostanza successiva all'utilizzo del ponteggio e non esclude affatto la .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Correttamente poi la Corte territoriale ha ritenuto che il legale rappresentante della società fosse chiamato a rispondere civilmente del comportamento degli imputati ai sensi dell'art. 2049 c.c., in quanto la responsabilità degli stessi è strettamente connessa alle .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Nei lavori che sono eseguiti ad un'altezza superiore a 2 metri, devono essere adottate - seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

LAVORI DI ASFALTATURA E CANCRO

La nostra Costituzione ritiene la salute un fondamentale diritto dell'individuo e un interesse della collettività (art. 32 c.p.) per cui non è consentito trascurare alcuna cautela che possa evitare di causare danni alla persona, tanto più se si tratta di danni letali. I lavori espletati della società C. erano di natura altamente pericolosa, e la stessa sentenza impugnata ne da atto, ma giustifica le .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

LAVORI STRADALI

In questa sentenza la Corte di Cassazione - Sezione terza civile - afferma che i lavori sulle strade costituiscono un'attività pericolosa e che, di conseguenza, le imprese devono utilizzare particolari sistemi di segnalazione, riportati nella sentenza, per avvertire gli automobilisti del pericolo.

Vai alla sentenza per esteso >>  

MACCHINE DA CANTIERE

Impastatrice

I giudici del merito hanno ritenuto che l'infortunio non potesse addebitarsi al lavoratore, posto che la causa di esso, non solo non poteva essere ricondotta ad un comportamento abnorme ed imprevedibile del lavoratore, che al momento dell'incidente stava operando per assicurare l'avvio delle attività di cantiere, ma doveva ricondursi alla violazione, da parte dell'imputato (datore di lavoro), di precisi doveri di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Escavatore

La Suprema Corte, con la sentenza del 19/6/96, rigetta il ricorso e conferma la condanna sulla base dei seguenti principi:

1. il datore di lavoro, se si assenta dal cantiere, deve nominare un preposto che ha il compito di controllare il rispetto delle prescrizioni antinfortunistiche e di intervenire per evitare comportamenti imprudenti da parte degli operai (nella fattispecie nel cantiere in cui è avvenuto l’infortunio nessun operaio aveva la qualifica di preposto);
2. l’imprenditore ha l’obbligo di mettere a disposizione degli operai macchine ed attrezzature .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

MINISCAVATORE E RAMPE DI CARICO

Nonostante il datore di lavoro abbia consentito da parte dei suoi dipendenti l'utilizzazione di un'attrezzatura presa a nolo e non rispondente alla normativa sulla sicurezza, sussiste la colpa del noleggiatore di un macchinario non conforme alle norme antinfortunistiche essendo egli tenuto a .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

NOLO A CALDO

La difesa dell'imputato sostiene che l'efficacia causale della condotta del B. sia del tutto disinnescata dalla negligente condotta del suo datore di lavoro, C., il quale imprevedibilmente era entrato nel campo di azione della pala meccanica.
Sul punto, confermando le corrette conclusioni a cui è giunto il giudice dei merito, va ricordato che questa Corte ha con orientamento consolidato stabilito che "il rapporto di causalità tr a la condotta dei responsabili della normativa antinfortunistica e l'evento lesivo è interrotto, ai sensi dell'art. 41 c.p., comma 2, solo nel caso in cui sia .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

ONERI DELLA SICUREZZA

Gli oneri di sicurezza costituiscono una componente che confluisce nell’unitaria nozione di “importo dei lavori”, assunta quale parametro legale di determinazione dell’ammontare della cauzione provvisoria. Non vanno invece comprese .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

L'indicazione nell'offerta di oneri per la sicurezza in misura inferiore rispetto a quanto indicato nel progetto preliminare messo a concorso non rappresenta un .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

OPERE IN SUBAPPALTO

Gli obblighi di osservanza delle norme antinfortunistiche, con specifico riferimento all’esecuzione di lavori in subappalto all’interno di un unico cantiere edile predisposto dall’appaltatore, gravano su .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PSC e POS non conformI ai requisiti di legge ed infortunio mortale
Risulta quindi chiaro che i giudici di merito, lungi dall'ascrivere al V. un mancato controllo quotidiano delle attività condotte nel cantiere, hanno rimproverato al medesimo di aver posto le condizioni di fondo per il verificarsi dell'evento illecito, alla cui realizzazione hanno concorso anche altri soggetti, ma con condotte che non possono qualificarsi come .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

PSC incompleto e responsabilita' del CSE
Non è esatto, poi, che l'articolo 158 cit. sanzioni solo l'omessa redazione del piano di sicurezza, dal momento che la norma fa riferimento alla violazione dell'articolo .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Mancanza di coordinamento
Proposto ricorso in Cassazione, la Corte lo ha rigettato affermando "che l'obbligo di prevenzione si estende agli incidenti che derivino da negligenza, imprudenza e imperizia dell'infortunato, essendo esclusa, la responsabilità del datore di lavoro e, in generale, del destinatario dell'obbligo, solo in presenza di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

POMPISTA

Al riguardo va, infatti, rilevato che il reato di lesioni personali colpose lievi (malattia guarita entro 40 giorni), commesso con violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, è procedibile a querela di parte secondo la formulazione letterale dell’art. .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

PONTE AUTOSOLLEVANTE

L'appaltatore deve, quindi, di regola ritenersi unico responsabile dei danni derivanti a terzi dall'esecuzione dell'opera, salva la corresponsabilità del .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

POS NON CONFORME ALLA NORMATIVA

La Suprema Corte afferma che "il piano operativo di sicurezza costituisce uno strumento di prevenzione dei rischi connessi allo svolgimento dell'attività e, pertanto, deve contenere. .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

POS: OMESSA REDAZIONE E RESPONSABILITA'

La Corte afferma che il datore di lavoro di impresa esecutrice ha precisi obblighi in materia di sicurezza ossia deve valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori ed individuare le misure di prevenzione e protezione ed i dispositivi di protezione individuali la cui necessaria adozione è stata definita attraverso la valutazione dei rischi. E' principio pacifico che la presenza di più imprese esecutrici non comporta il trasferimento o l'accentramento di siffatto obbligo in capo a .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

POSA DI SERRAMENTI E RESPONSABILITA' DEL COORDINATORE PER L'ESECUZIONE

Giova rammentare che tale figura è stata introdotta per la prima volta dal d.lgs. 14 agosto 1996, n. 494 (di attuazione della direttiva 92/57/CEE) - nell'ambito di una generale e più articolata ridefinizione delle posizioni di garanzia e delle connesse sfere di responsabilità correlate alle prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili - a fianco di quella del committente, allo scopo di consentire a quest'ultimo di delegare, a soggetti qualificati, funzioni e responsabilità di progettazione e coordinamento, altrimenti su di lui ricadenti, implicanti particolari competenze tecniche.
La definizione dei relativi compiti e della connesse sfere di responsabilità discende, pertanto, da un lato, dalla funzione di generale, alta vigilanza che la legge demanda allo stesso committente, dall'altro dallo specifico
.....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILITA' APPALTATORE NEI CONFRONTI DI TERZI

L'appaltatore di lavori edili, nell'esecuzione della propria attivita' deve rispettare tutte le cautele necessarie per evitare che non solo i propri dipendenti, ma anche terzi, possano riportare danni alla persona. Questo obbligo non si limita al periodo di esecuzione delle sole opere appaltate, ma anche alla .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILITA' CAPO CANTIERE

In tema di infortuni sul lavoro, proprio a tutela dell'incolumità dei lavoratori l'ordinamento giuridico prevede la figura del capo- cantiere al fine di vegliare sull'esatta applicazione delle norme previste dai rispettivi ordinamenti interni e di essere presente alla esecuzione dei lavori, affinchè gli stessi vengano eseguiti in conformità dell'organizzazione dei lavori stessi e con il rispetto di tutte le norme per la prevenzione degli infortuni e di quelle suggerite dalla comune prudenza.
Infatti il capocantiere è istituzionalmente preposto al controllo della .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILITA' DATORE DI LAVORO E DEL COMMITTENTE

Come evidenziato in più occasioni, per i lavori svolti in esecuzione di un contratto di appalto, il dovere di sicurezza grava, come in qualsiasi altra ipotesi, sul .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILE DEI LAVORI E OMICIDIO COLPOSO

Essendo egli, infatti, responsabile dei lavori, in capo a lui si concretizzava una posizione di garanzia che gli imponeva di attivarsi per predisporre e far osservare i presidi di sicurezza richiesti dalla legge, nella esecuzione di quei lavori dei quali egli era, appunto, responsabile.
La circostanza che vi fossero anche un "coordinatore della sicurezza in fase di progettazione" e un "coadiutore della sicurezza in fase di esecuzione" non comportava affatto  .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILITA' ISPETTORE ASL

..... non è poi per nulla illogica l'affermazione secondo cui se il C. avesse fatto la verifica non avrebbe mancato di riportare sul verbale le carenze riscontrate. A questa Corte pare invece illogica l'obiezione della difesa a tale ragionamento. Il paragone con ciò che può essere accaduto in occasioni di precedenti verifiche è del tutto infondato e fuorviante. C. doveva il 18 marzo 1993 eseguire una vera verifica del carroponte e doveva riportare sul verbale tutte le numerosissime carenze riscontrate ed eventualmente inibire o fare inibire il funzionamento dell'impianto. E non è vero che l'unica prescrizione che potesse avere attinenza con l'imputazione era quella riguardante i cancelletti, perchè il capo d'accusa contiene anche un riferimento preciso all'assenza, sul predetto apparecchio (cabina compresa), di dispositivi di sicurezza concernenti ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

RESPONSABILITA' PROGETTISTA

I progettisti dei luoghi o posti di lavoro e degli impianti rispettano i principi generali di prevenzione in materia di sicurezza e di salute al momento delle scelte progettuali e tecniche. 
Appare corretto, pertanto, quanto è affermato nella impugnata sentenza e, precisamente, che era a carico del progettista la predisposizione di una relazione .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

ROVINA DELL'EDIFICIO E RESPONSABILITA' DEL PROPRIETARIO

Con questa sentenza la suprema corte ha analizzato quali sono le responsabilita' del proprietario dell'edificio e dell'appaltatore. Partendo dalla giurisprudenza consolidata della Corte che intende come rovina di edificio ogni disgregazione, sia pure limitata, degli elementi strutturali della costruzione ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

RUMORE: dpI E RESPONSABILITA' DEL RSPP

Il ricorrente si limita a formulare generiche critiche alla motivazione della sentenza, basate sui due seguenti assunti, del tutto indimostrati: 1) che fosse presente in cantiere un responsabile del servizio di prevenzione protezione, soggetto diverso dal .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

SCAVI

Scavo e crollo di muro
Per quanto concerne il coordinatore, la Suprema Corte afferma che la sentenza "appare correttamente adottata in ossequio ai principi vigenti in materia, che fondano per il coordinatore della sicurezza, nei cantieri temporanei e mobili una autonoma e indipendente posizione di garanzia che, si affianca a quelle degli .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Scavo e omissione armature di sostegno
La Suprema Corte afferma che "non emerge alcun elemento concreto che consenta di escludere il nesso causale tra la condotta colposa rispettivamente addebitabile a ciascuno dei due ricorrenti (al D. la mancata predisposizione di idonee armature di sostegno nello scavo ed altre precauzioni, quali ad es. palancolata blindaggi e sbadacchiature; e al G. l'omesso tempestivo rilievo della irregolarità dello scavo, constatate tardivamente solo il 27.10.2005, e la pericolosità delle pareti dello scavo senza ulteriori provvedimenti e senza apprestare una penetrante attività di sorveglianza) e ....."

Vai alla sentenza per esteso >>  

SERVIZI IGIENICI

Ed invero non sembra dubitabile che il T. abbia violato una pluralità di disposizioni di legge dettate dalla normativa antinfortunistica per la tutela dei lavoratori sui luoghi di lavoro, e tra le altre segnatamente quella che gli imponeva di predisporre sul cantiere servizi igienici per evitare che i lavoratori si trovassero costretti a trovare soluzioni alternative con possibile esposizione a pericolo, tanto più a fronte delle caratteristiche del cantiere (presenza del ...

Vai alla sentenza per esteso >>  

SILICOSI

Indennizzabilita' della malattia professionale silicosi
Per le stesse ragioni, per alcune patologie, che possono manifestarsi a grande distanza dalla cessazione della lavorazione morbigena, tale periodo è illimitato, vale a dire non vi è periodo massimo di indennizzabilità; è il caso delle manifestazioni neoplastiche di cui alle voci 5, 9, 36, 38, 42, 51, 56, 57, 58 della tabella all. 4. Identico è il regime per l'asbestosi (già nominata, per le eventuali conseguenze neoplastiche, nella voce 56 della tabella 4) e la silicosi, separatamente disciplinate negli artt. 140 ss. t.u. 1124, parzialmente modificati dalla l. 780/1975. Per queste due malattie la L. 455/1943, introduttiva della tutela professionale, prevedeva un periodo massimo di indennizzabilità di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Premio supplementare per il rischio silicosi
Il criterio di calcolo del premio supplementare di cui all’art. 153 non comporta una deroga a questa regola generale, posto che uno dei termini del rapporto di incidenza, considerato a tal fine, è rappresentato dal complesso delle mercedi di tutti gli addetti (determinato in base a questa regola), sicchè la frazione della retribuzione complessiva costituita dai salari specifici dei lavoratori esposti al rischio silicotigeno deve .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

SOLAI: MONTAGGIO E SMONTAGGIO OPERE PROVVISIONALI

Per opera provvisionale si intende "ogni manufatto che venga realizzato in un cantiere a servizio dei lavori da effettuare, siano essi limitati ad una o piu' fasi delle operazioni costruttive, siano da riferirsi a .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

SUBAPPALTO E POSIZIONE DI GARANZIA

I giudici hanno anche applicato il principio affermato da questa stessa Sezione 4^ con la sentenza n. 5977 del 15/12/2005, secondo cui, in caso di subappalto di lavori, ove questi si svolgano nello stesso cantiere predisposto dall'appaltatore in esso inserendosi anche l'attività del subappaltatore per l'esecuzione di un'opera parziale, e non venendo meno l'ingerenza dell'appaltatore e la diretta riconducibilità (quanto meno) anche a lui dell'organizzazione del comune cantiere, in quanto investito dei poteri direttivi generali inerenti alla propria qualità, sussiste la responsabilità di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

TINTEGGIATURA

La Suprema Corte afferma che "la Corte di Appello di Milano ha chiarito che la responsabilità dell'odierno imputato trova giuridico fondamento nella accertata ingerenza nell'organizzazione nel lavoro di che trattasi, avvenuta in relazione alle direttive che il capo .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

TRABATELLI

Correttamente, pertanto, la Corte milanese ha fatto riferimento alla giurisprudenza di legittimità, che con tranquillante uniformità, ha affermato che l'obbligo di prevenzione si estende agli incidenti che derivino da negligenza, imprudenza e imperizia dell'infortunato, essendo esclusa, la responsabilità del datore di lavoro e, in generale, del destinatario dell'obbligo, solo in presenza di comportamenti che presentino i caratteri dell' .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

Le norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro impongono precise cautele in funzione del luogo di lavoro nel suo complesso e non tanto delle specifiche mansioni proprie di ciascun lavoratore, poichè rientra nell' "id quod plerumque accidit" che i dipendenti siano comandati a svolgere compiti anche al di fuori del posto predeterminato ed in modo occasionale. Ne deriva che l'attuazione delle misure antinfortunistiche deve essere realizzata con riguardo ad ogni luogo e a tutti gli strumenti di cui i lavoratori possano servirsi nell'esecuzione delle incombenze varie inerenti all'attività lavorativa che si svolge nel luogo di lavoro. (La fattispecie concerne il caso di un dipendente al quale era stato assegnato il compito di togliere dei vetri rotti dalle finestre di un capannone, compito che non rientrava nelle mansioni specifiche del dipendente e per eseguire il quale questi si era servito di un trabattello senza la messa in funzione degli stabilizzatori. Il datore di lavoro non si era peritato di informare il dipendente della necessità del loro uso per rendere stabile lo strumento, di talchè si era verificato lo sbilanciamento che aveva determinato la caduta e l'infortunio del lavoratore).

Vai alla sentenza per esteso >>  

Correttamente pertanto è stato riconosciuto sussistente il nesso di causalità tra la condotta posta in essere dai tra ricorrenti e l'infortunio subito dallo (... omissis ...), in quanto se il trabatello fosse stato regolarmente provvisto di .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

VERIFICA DELL'IDONEITA' TECNICO PROFESSIONALE

La Suprema Corte ribadisce quanto già affermato in sede d'appello in relazione alla responsabilità del committente: "giustamente la corte territoriale ha sostenuto che, secondo l'articolo .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

VERNICIATURA SU PONTEGGIO

La colpa del lavoratore, anche grave, ed anche esclusiva, consistente: nell'effettuare l'operazione lavorativa con imprudenza (spesso conseguente, all'acquisita familiarità con gli strumenti e le situazioni di lavoro), negligenza, imperizia, non incide perciò sulla .....

Vai alla sentenza per esteso >>  

                             
                         
Sicurezzaonline declina ogni e qualsiasi responsabilità per possibili errori od omissioni, 
nonché per eventuali danni derivanti dall'uso dei testi e dei relativi ipertesti sopra riportati.
    

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi