FAQ

        

NAVI - PORTI

   

1

Domanda
Quali sono le procedure da seguire allo scopo di garantire nei porti industriali e petroliferi livelli di sicurezza equivalenti a quelli stabiliti per le attività a rischio di incidente rilevante?

Risposta
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 165 del 18 luglio 2001 è stato pubblicato il decreto 16 maggio 2001, n. 293, del Ministro dell’Ambiente, di concerto con il Ministro dei Trasporti e della Navigazione e con il Ministro della Sanità, concernente "Regolamento di attuazione della direttiva 96/82/CE, relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose".
Su tale decreto, emanato ai sensi dell’art. 4, comma 3, del D.Lgs. 334/99, al fine di garantire nei porti industriali e petroliferi livelli di sicurezza equivalenti a quelli stabiliti per le attività a rischio di incidente rilevante, si forniscono i seguenti chiarimenti.
La procedura finalizzata al rilascio del ..... (continua)  

2

Domanda
Qual'è il livello di tensione utilizzato a bordo delle navi? Esiste una normativa di riferimento?

Risposta
Per le tensioni adottate a bordo di navi si deve far riferimento a due Norme ..... (continua)  

3

Domanda
Esistono normative particolari per la realizzazione di impianti elettrici in porti turistici?

Risposta
La norma base generale per gli impianti elettrici è la Norma ..... (continua)  

4

Domanda
Sono il proprietario di una imbarcazione a vela immatricolata ed abilitata senza limiti di navigazione, non marcata CE (costruita nel 1996), con certificato di sicurezza scadente nel 2005. Vorrei sapere se devo avere a bordo le dotazioni di sicurezza previste dal nuovo regolamento e se il riflettore radar e l’E.P.I.R.B. che già possiedo, necessitano di qualche omologazione particolare?

Risposta
L’art. 5 del Regolamento di Sicurezza ..... (continua)  

5

Domanda
Desidererei sapere se a bordo di un natante è possibile tenere in sostituzione del salvagente anulare con cima il salvagente “a ferro di cavallo” , conforme al D.M. dell’81, perché, secondo quanto ho letto nel recente D.M. del 29 settembre 1999, n. 385, mi sembra di avere capito che sia ancora possibile tenere a bordo le dotazioni conformi ai vecchi decreti sino all’usura?

Risposta
I salvagenti “a ferro di cavallo” sono da sempre considerati equivalenti a quelli anulari purché, oltre alle caratteristiche e ai requisiti stabiliti per questi ultimi, abbiano ..... (continua)  

6

Domanda
Sono proprietario di un’imbarcazione pneumatica marca Joker boat modello Coaster, immatricolato il 13/5/1993 per la navigazione entro 6 miglia dalla costa, ho esteso la fascia di navigazione a “senza limiti dalla costa” il 5/12/1996 ottenendo la esenzione dai mezzi collettivi di salvataggio ai sensi dell’art.22 comma 5 del decreto 21/01/94 n.232. La validità del certificato è estesa al 4/12/2002, e poiché prossimo a scadenza gradirei ottenere risposta chiara ed inequivocabile sulla esenzione del mezzo collettivo nonostante l’entrata in vigore del nuovo regolamento di sicurezza.

Risposta
La informiamo che l’esenzione dalla tenuta a bordo del mezzo collettivo di salvataggio, deve ritenersi ..... (continua)  

7

Domanda
Con questa mia intendo rivolgervi alcune domande riguardo le dotazioni di sicurezza relative ad un natante costruito nel 1979. La prima domanda è la seguente: Ho acquistato proprio ieri, un salvagente anulare il quale riporta stampato la seguente dicitura:SALVAGENTE ANULARE GIOVE TIPO APPROVATO M.T.N. D.M. 30/6/96 N.192/96 - RIS IMO A689(17) - ALTEZZA MASSIMA DI IMPIEGO MT. 30.
È conforme al D.M. 29/9/1999 n. 385? La stessa domanda vale per le cinture di salvataggio acquistate anch’esse ieri, le quali non riportano nessun decreto e numero riguardo la conformità ma soltanto la dicitura CE 0474 e, come il salvagente, sono provvisti di strisce riflettenti. Il natante è ancora in perfette condizioni in quanto è stato usato pochissimo ed è sempre stato tenuto in box. La targhetta sul natante riporta la data di costruzione, la lunghezza f.t., la potenza max installabile ed il numero di passeggeri. E’ una lancia di mare di lunghezza f.t. 3,4 mt., quindi il numero max di passeggeri è di tre, come riportato sulla targhetta. E’ necessario richiedere il certificato di sicurezza? Il numero di passeggeri è inteso come 3 adulti, e nel caso di due adulti e due bambini?

Risposta
Gentile utente, in merito all’idoneità dei salvagente da utilizzare a bordo, come da Lei correttamente indicato essi devono possedere i requisiti stabiliti dal Decreto 29 settembre 1999, n. 385, tuttavia il regolamento di sicurezza della nautica da diporto all’art. ..... (continua)  

8

Domanda
Perché è necessario effettuare la valutazione delle prestazioni di tenuta del mare (seakeeping) di una nave da pesca?

Risposta
Perché in tal modo si può valutare il comportamento dell’imbarcazione sottoposta all’azione del ..... (continua)  

9

Domanda
Perché le funi metalliche hanno un ruolo fondamentale nella esecuzione delle varie manovre di pesca e quali tipi di funi vengono utilizzate in tali manovre?

Risposta
Le funi metalliche, grazie alle loro elevate caratteristiche meccaniche ed al comportamento elastico del metallo hanno risolto i problemi di manovra o di regolazione. Rispetto alle funi tradizionali (cordami), le funi metalliche ..... (continua)  

10

Domanda
Il campo di applicazione della direttiva non comprende le navi marittime e le unità mobili offshore, nonché le attrezzature utilizzate a bordo di tali navi o unità. Qual è la situazione delle piattaforme galleggianti di sfruttamento e altre unità galleggianti utilizzate come installazioni permanenti?

Risposta
La direttiva “Macchine” ..... (continua)  

11

Domanda
Le navi marittime e le attrezzature a bordo delle stesse non sono disciplinate dalla direttiva. Qual è la situazione delle imbracature tessute a piatto utilizzate per il carico e lo scarico delle navi?

Risposta
Tali imbracature sono prodotte in ..... (continua)  

12

Domanda
Quali sono gli aspetti tecnici piu' importanti delle imbarcazioni?

Risposta
La nave da pesca può essere definita come una piattaforma mobile di lavoro sulla quale si svolgono diversi tipi di attività lavorative, durante le quali i membri dell’equipaggio devono poter svolgere le loro mansioni in condizioni di igiene e sicurezza, nonostante i movimenti della nave alterino continuamente tali condizioni. ..... (continua)  

13

Domanda
Come si e' evoluta
la materia relativa alle indagini sui sinistri marittimi sia a livello internazionale che a livello comunitario ?

Risposta
La materia relativa alle indagini sui sinistri marittimi è in evoluzione sia a livello internazionale che a livello comunitario. A livello internazionale, in sede IMO, con risoluzione ..... (continua)  

14

Domanda
Quali sono le principali attrezzature nelle varie aree di lavoro dell'imbarcazione e che caratteristiche devono avere dal punto di vista della sicurezza?

Risposta
Ormai da parecchi decenni, nell’esecuzione delle varie manovre di pesca un ruolo fondamentale viene svolto dalle ..... (continua)  

Raccolta di FAQ >>

               

              

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi